Una telecamera nel bagno dell’azienda. Denunciato 28enne

Melpignano. Il giovane risponde di interferenze illecite nella vita privata. Il giudice nominerà un tecnico per ispezionare il suo personal computer

MELPIGNANO – Uno strano dispositivo elettronico nascosto tra i prodotti del bagno di una nota azienda di Melpignano. Il titolare ha subito sporto denuncia presso i carabinieri della Stazione di Corigliano d’Otranto con il sospetto era che qualcuno dei dipendenti potesse aver installato una telecamera al fine di riprendere i colleghi mentre utilizzavano i servizi igienici. I militari hanno così effettuato sopralluogo all’interno dell’azienda scoprendo in flagranza di reato il “guardone elettronico”. R.C., 28enne di Poggiardo, aveva proprio installato una telecamera che con apposita scheda di memoria, registrava i momenti di intimità di tutti i colleghi, uomini e donne, per poi scaricare le registrazioni sul proprio personal computer. Dopo aver identificato il giovane, i carabinieri hanno rimosso e sequestrato la telecamera e il computer del 28enne. Ad incastrare il giovane, anche un pizzico di ingenuità: per essere sicuro che la telecamera fosse posizionata correttamente, aveva fatto delle prove di registrazione con brevi filmati riprendendo se stesso e conservando i video prova. R.C. è stato denunciato per il reato di reato di interferenze illecite nella vita privata. Ora, su nomina del giudice, sarà individuato un tecnico che si occuperà di svolgere una consulenza sui dischi del pc per trovare ed acquisire le registrazioni incriminate.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!