Sinfonica. Applausi per ‘JazzBistrot’

Lecce. Ottimo debutto per la Stagione di Primavera. Successo per lo spettacolo di Casarano, il cui ricavato andrà in parte all'associazione TriaCorda

LECCE – E' partita con successo la Stagione Sinfonica di Primavera. Applausi per “Jazz Bistrot“, prima esecuzione assoluta a Lecce, commissionato dalla Fondazione Ico ‘Tito Schipa’: con Raffaele Casarano feat e Erik Honorè, l'Orchestra Sinfonica 'Tito Schipa'. Arrangiatore e direttore d'Orchestra Alfonso Girardo. Soun Engineer Guglielmo Dimidri. Alto e soprano sax, elettronica dal vivo, composizioni: Raffaele Casarano. Al piano Mirko Signorile, al contrabbasso Marco Bardoscia, alla batteria Cristiano Calcagnile, alle percussioni Alessandro Monteduro. Live electronics: special guest Erik Honorè. Applausi per tutti. L’appuntamento ha coniugato spettacolo e solidarietà. Parte del ricavato sarà infatti devoluta all'associazione TriaCorda per la realizzazione dell'Ospedale Pediatrico del Salento. Uno spettacolo di rilevante spessore artistico che ha coniugato la musica sinfonica con il jazz, e come sottolinea il maestro Ivan Fedele, direttore artistico della Fondazione Ico 'Tito Schipa', “ritorna l'Orchestra Sinfonica 'Tito Schipa' con una Stagione di Primavera ricca di novità che ritroveremo nella stagione estiva secondo un progetto artistico che vuol privilegiare, accanto al consueto repertorio classico e romantico, anche le coniugazioni della musica sinfonica con altri generi, jazz e pop soprattutto. Siamo convinti – ha aggiunto Fedele – che queste esperienze possano avvicinare sempre più un pubblico giovane o non abituale alla dimensione preziosa del concerto sinfonico”. I prossimi appuntamenti sono giovedì 10 aprile a Cisternino al Teatro Paolo Grassi, e venerdì al Politeama Greco di Lecce, con Maurizio Zanini nelle vesti di direttore e pianista, protagonista nel 'Children's Corner' capolavoro di Debussy trascritto per Orchestra da Andrè Caplet e nei 'Quadri di un'Esposizione’ di Modest Musorsgkij, “commentati dalle immagini del video artista Andrew Quinn. Ancora una volta – ha concluso Fedele -, un elemento ‘altro’, come l’immagine, sposa la musica in un contrappunto estetico di grande fascino di cui Quinn è un maestro riconosciuto del nostro tempo”.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!