Lecce Città del gusto

Bari. Formazione, valorizzazione dei prodotti, innovazione dei processi, internazionalizzazione. E’ la “Città del Gusto” che nascerà dall’intesa Gambero rosso-Regione Puglia

BARI – Sviluppo economico collegato all’enogastronomia e alla promozione all’estero: sono gli ingredienti dell’intesa tra Gambero Rosso e Regione Puglia. Il progetto “Città del Gusto” si collega a una strategia che riguarda la Puglia ed è funzionale a creare il massimo indotto possibile attraverso l’eccellenza e la qualità dei prodotti pugliesi. “Si tratta di un percorso sinergico – ha detto l’assessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia Loredana Capone – che la Regione Puglia e il Distretto Agroalimentare Jonico Salentino hanno voluto intraprendere con Gambero Rosso puntando su tre pilastri fondamentali: valorizzazione dei prodotti pugliesi, promozione del territorio, promozione dell’indotto imprenditoriale”. Una città fondata sul sapore, una fabbrica di eventi che abbracciano tutto il mondo del food&beverage, dal foodservice all’hotellerie, alla ristorazione, al retailing. E’ questa la “Città del Gusto” che Gambero Rosso porterà a Lecce, puntando su un’offerta formativa qualificata, sulla valorizzazione dei prodotti e sull’innovazione dei processi di internazionalizzazione sue imprese. Il progetto muoverà i primi passi a partire da giugno 2014 con un programma ricco di conferenze, workshop, seminari sui principali temi di interesse dell’enogastronomia (educazione alimentare, cibo e salute, dieta mediterranea, nuovi scenari di marketing digitale del turismo di settore), percorsi alimentari, laboratori del gusto, itinerari gastronomici. A fare da traino, la formazione: corsi professionali sulla food fotography, sul food cost, sulla pianificazione del menu, sul management del vino, e un master universitario post-laurea, in collaborazione con l’Università del Salento e l’Università di Bologna, in “Gestione d’impresa Food&Wine e Turismo Enogastronomico”. “La Regione Puglia – ha proseguito Capone – ha lavorato molto, negli ultimi anni, sulla qualità della spesa pubblica. Abbiamo investito in qualità, ricerca, innovazione, internazionalizzazione. Oggi abbiamo il coraggio di osare, di sperimentare. Questo coraggio, però, deve trasformarsi in massima produttività e, in questo, la formazione gioca un ruolo fondamentale perché non basta avere prodotti di ottima qualità. E importante saperli anche confezionare, comunicare, è importante conoscere la legislazione del mercato di arrivo”. Le Scuole di cucina Gambero Rosso, già presenti a Roma, Napoli, Catania, Palermo e Torino, offrono una formazione altamente specializzata nel mondo dell’enogastronomia e, ad oggi, consentono un assorbimento della posizione lavorativa di chi vi partecipa pari a circa il 75%. “Non esiste formazione – ha detto Luigi Salerno, direttore generale Gambero Rosso – se non ci sono le materie prime e qui abbiamo alcuni tra i più grandi prodotti del mondo. Noi di Gambero Rosso ci consideriamo un po’ come dei content provider. Amiamo produrre contenuti. Per fare questo, però, abbiamo bisogno di luoghi da comunicare e la Puglia, da questo punto di visita, rappresenta un argomento molto appetibile”. “E’ con questo intento – ha detto Maurizio Mazzeo, direttore DAJS – che abbiamo previsto la possibilità di ospitare nella Città del Gusto Jonico Salentina le trasmissioni del Gambero Rosso Channel. E’ per questo che il circuito leccese avrà un suo spazio editoriale sul portale dell’azienda leader in Italia nel settore enogastronomico, un portale che conta oggi decine di milioni di visitatori l’anno. Vogliamo far parlare il più possibile la città di Lecce, e la Puglia, con la rete ‘Città del Gusto’ che Gambero Rosso ha voluto attivare. Una rete che oggi conta 7 tappe ma che punta a raggiungerne venti in Italia e dieci all’estero”. Alla conferenza di presentazione del programma “Città del Gusto” 2014-2015 tenuta ieri mattina presso la sede del Distretto Agroalimentare Jonico Salentino, a Lecce, ha partecipato anche il sindaco della città di Lecce Paolo Perrone: “Siamo fieri che Gambero Rosso abbia deciso di legare il proprio nome alla città di Lecce. ‘Città del Gusto’ è oggi per noi un’occasione ghiotta per aumentare la nostra capacità di essere competitivi. Per una terra che punta sui prodotti di trasformazione l’agroalimentare, infatti, rappresenta un comparto che incide notevolmente sull’economia complessiva”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!