Pontedera, anche Andrea Manco sul ring

Pontedera. Per il 21enne pugile professionista di Melissano, c'è la sfida contro il peso medio n°1 in Lettonia, Andrejs Loginovs

PONTEDERA – Anche il salentino Andrea Manco salirà sul ring, sabato prossimo, durante l'attesa serata di pugilato internazionale in programma all'interno del Palasport di Pontedera. La kermesse, è organizzata dalla OPI2000 di Milano, è vedrà, nel match-clou, valido per il titolo europeo (Ebu) vacante dei Supermedi tra l'idolo locale Mouhamed Ali Ndiaye (23-1-1) e il francese Christopher Rebrasse (21-2-3). Si tratta del secondo atto di un match, che ha già infiammato gli appassionati lo scorso 8 giugno a Brindisi, conclusosi con un discusso pareggio: in quella occasione, gli addetti ai lavori e il pubblico presente assegnarono virtualmente la vittoria al francese. Quindi si tratta di una sfida che si preannuncia imperdibile, peraltro trasmessa da RaiSport1. Nel ricco programma stilato per incorniciare la sfida Ndiaye vs Rebrasse, come detto ci sarà il professionista 21enne di Melissano Andrea Manco 6(ko2)+0+1 in forza alla scuderia OPI2000. Per Manco, si tratta quindi dell'ottava presenza in Lega Pro Boxe e questa volta dovrà vedersela – nella categoria Pesi Medi – contro il 25enne lettone Andrejs Loginovs 15(ko8)+33(ko 8)+1. Dopo sei vittorie (due delle quali conseguite per ko) e un pareggio, Manco è oramai pronto per salire sul ring, insieme ai tecnici della BeBoxe di Copertino, Francesco Stifani e Carmine Conte. “Sono pronto per questa trasferta in terra toscana – spiega Manco –. Dopo la vittoria per ko contro il 35enne ungherese Lajos Munkacsy (nel dicembre del 2013 ad Ugento, ndr), finalmente ho la possibilità di continuare la mia esperienza professionistica. Insieme con coach Stifani, ho dapprima perfezionato la tenuta atletica, per poi dedicarmi alla potenza dei colpi. Del mio prossimo avversario non conosco a; come sempre mi affido completamente alle direttive di Stifani: se lui è sereno, sono sereno anch'io”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!