Folgorato da una scarica elettrica, non rischia la vita

Casarano. Paura per un operaio Enel intento a riparare un guasto in una cabina elettrica. E’ ricoverato al Policlinico di Bari con un trauma cranico

CASARANO – E' rimasto folgorato da una scarica elettrica ed ha perso l’equilibrio, finendo per terra. Fortunatamente non è in pericolo di vita, ma ha rischiato grosso il 59enne operaio dell’Enel, che stanotte si trovava sulla strada Supersano-Casarano per riparare il guasto di una cabina elettrica. Erano circa le 2.30, quando l’uomo ha risposto ad una richiesta di intervento portandosi sul posto. Mentre era intento a riparare il malfunzionamento, una scarica elettrica l’ha attraversato, facendolo cadere al suolo. I medici del Pronto soccorso hanno riscontrato un trauma cranico ma nessuna altra lesione e ne hanno disposto i trasferimento presso il Policlinico di Bari. Sul posto sono intervenuti anche i vigili del fuoco e i carabinieri della compagnia di Casarano, per i rilievi di rito.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment