Fognatura a Torre San Giovanni: non prima di fine anno

Ugento. L’Aqp viene meno all’impegno di terminare l’opera in 60 giorni ma garantisce che i finanziamenti non sono a rischio

UGENTO – Obiettivo: sollecitare la realizzazione dei lavori di fognatura nera a Torre San Giovanni, marina di Ugento. A questo serviva l’incontro che ha avuto luogo ieri mattina presso gli uffici dell’Aqp di Bari. Lì si sono recati il capogruppo regionale Udc Salvatore Negro ed il presidente del comitato di difesa di Torre San Giovanni, Gigi Te Nuzzo, per verificare lo stato dell’arte dell’opera. Le notizie apprese non sono state rassicuranti. Secondo il crono programma stabilito a Bari, i lavori non potranno avere inizio prima della fine dell’anno in corso, con ciò venendo meno all’impegno assunto il 20 giugno dello scorso anno in sede di Commissione regionale dai tecnici dell’Aqp che avevano garantito il completamento del progetto esecutivo nei successivi 60 giorni. Tuttavia, a fronte di tale delusione, resta la rassicurazione che i finanziamenti previsti per l’infrastruttura non sono a rischio. “È un fatto grave – ha sottolineato Negro – che una località di interesse turistico nazionale e non solo quale la marina di Ugento sia priva di un’opera di urbanizzazione come la fognatura nera, indispensabile per assicurare le condizioni igienico sanitarie ottimali alla popolazione locale e alle migliaia di turisti che soggiornano nel periodo estivo. Il responsabile di Aqp tuttavia ci ha rassicurato che questa volta saranno rispettati i tempi per la realizzazione dell’opera. Ci auguriamo che l’Acquedotto pugliese tenga fede agli impegni presi”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment