Rapina alla Mps: presi

Tricase. Sono stati arrestati nella quasi flagranza di reato i responsabili del colpo all’istituto bancario. Due denunce per favoreggiamento

TRICASE – Tre sono stati arrestati ed altri due denunciati in stato di libertà per favoreggiamento. I carabinieri di Tricase sono risaliti in breve tempo ai responsabili della rapina perpetrata ieri pomeriggio ai danni della filiale della banca Monte dei Paschi di Siena di via Stella d’Italia a Tricase. In un primo momento, uno dei tre, poi identificato in M.A. classe 1998, minorenne, a volto scoperto, è entrato nella filiale e, brandendo un taglierino, ha minacciato i dipendenti dell'istituto di credito intimandogli di gettarsi a terra. Uno dei clienti all'interno della banca ha cercato di farlo desistere dalla rapina scaraventandogli una sedia contro; ma il giovane, invece di fuggire, ha rincarato i toni delle minacce e, avvicinatosi al banco, ha sbloccato le porte di ingresso e del bussolotto antirapina. A quel punto, i due complici, con il volto travisato, hanno fatto irruzione nella filiale della banca toscana e, dopo aver rovistato nei cassetti, hanno portato via la somma di circa 9.500 euro in banconote di vario taglio e si sono allontanati a piedi per le vie del centro cittadino. Le indagini dei carabinieri si sono concentrate da subito sia sulle testimonianze dei testimoni sia sull'acquisizione di impronte e dei filmati di videosorveglianza della banca e degli esercizi commerciali nei paraggi; e proprio le immagini hanno permesso immediatamente di identificare la fisionomia dei soggetti nonché la via di fuga utilizzata mentre i testimoni hanno raccontato che il rapinatore a volto scoperto aveva una flessione dialettale napoletana. Le ricerche sono state quindi diramate a livello provinciale e regionale, mentre i militari della Compagnia Carabinieri di Tricase battevano palmo palmo le zone limitrofe al luogo della rapina e le campagne nelle vicinanze. In via Madonna di Fatima, appena fuori il centro cittadino, i carabinieri hanno notato una Nissan Juke color grigio scuro; la targa è risultata intestata ad una donna della provincia di Napoli. Il cerchio attorno ai rapinatori ha cominciato dunque quindi a stringersi. Subito sono stati disposti accertamenti catastali su tutte le abitazioni nelle vicinanze dell'autovettura e ben presto i militari hanno scoperto che proprio uno di loro S.A. classe 1970 era stato da poco controllato nel Napoletano; inoltre analizzando il profilo facebook dell'uomo, questi è risultato in contatto con la proprietaria dell'autovettura. All'interno del profilo della donna tra le foto salvate ve ne era una dove era raffigurato un giovane molto somigliante al rapinatore a volto scoperto. Visti i numerosi indizi, è stato predisposto un servizio di osservazione dell'abitazione di S.A. e all’una circa di notte è scattato il blitz; dopo aver accerchiato l'abitazione con le pattuglie dell'Aliquota Radiomobile e della stazione carabinieri di Tricase, i militari del Nor – Aliquota Operativa hanno fatto irruzione nell'abitazione. All'interno intenti a giocare a “scopone” Raffaele Errichiello, Antonio Di Napoli, M.A. classe 1998 e M.A. classe 1990. Questa volta però a mettere sotto scopa i giovani rapinatori in trasferta sono stati i carabinieri; infatti all'esito della perquisizione i militari hanno rinvenuto indosso ai tre giovani quasi per intero il bottino della rapina, gli stessi abiti con cui avevano messo a segno la rapina nonché il taglierino utilizzato per minacciare gli addetti dell'istituto di credito. M.A., classe 1998, è stato riconosciuto grazie alle videoriprese del sistema di videosorveglianza come l’uomo a volto scoperto che si era introdotto per primo nell’edificio. I tre sono stati tratti in arresto nella quasi flagranza dei reati ed una volta esperite le formalità di rito sono stati arrestati. Errichiello e Di Napoli sono stati condotto presso la casa circondariale di lecce, mentre M.A. è stato condotto presso il Cpa di Monteroni a disposizione dei pm Elsa Valeria Mignone ed Imerio Tramis. 19 marzo 2014 Rapina alla Mps. Fuggono con 5mila euro TRICASE – Hanno aspettato un orario favorevole, le 14.30 circa di ieri. Per strada, praticamente nessuno. E poi hanno fatto irruzione in banca, la filiale della Monte dei Paschi di Siena di via Stella d’Italia, a Tricase. Erano in tre. Uno di loro, a volto scoperto, è entrato, armato di taglierino, portandosi allo sportello. Fino all’ultimo momento ha fatto finta di essere un cliente e poi ha eseguito materialmente la rapina. Un bottino non troppo ricco, circa 5mila euro. Solo in un secondo momento i dipendenti della filiale si sono accorti della presenza di altri due complici, che sono rimasti all’esterno dell’edificio. Uno impugnava un fucile; entrambi indossavano un passamontagna. Messa a segno la rapina, i tre si sono allontanati a piedi. Delle indagini si sono occupati i carabinieri del posto, che sono partiti dall’analisi dei filmati delle telecamere di sicurezza. Maggiori dettagli nelle prossime ore.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!