Nuovo attentato al Paisiello

Lecce. Secondo episodio in soli tre mesi. Qualcuno ha appiccato un piccolo rogo che poi si è spento da solo, senza danni alle persone

LECCE – Sono passati appena tre mesi da quando un ordigno esplose, nel cuore della notte tra il 14 ed il 15 dicembre, davanti alla saracinesca del bar, danneggiando anche i locali vicini. Avrebbe potuto portare danni più ingenti, se solo avesse colpito qualcuno. La scorsa notte, nuova paura per i titolari del Bar Paisiello di Lecce. Qualcuno ha appiccato un piccolo rogo, che poi si è spento da solo, ma solo dopo aver annerito i gradini davanti al portoncino e la pedana in legno. Probabilmente i responsabili si saranno serviti di una bottiglia incendiaria, e probabilmente l’avranno lanciata da un’auto o uno scooter in corsa. Sul posto, da stamattina, gli agenti della Polizia di Stato ed i dirigenti di Squadra Mobile e Volanti, i vicequestori aggiunti Sabrina Manzone e Antonio Ingrosso. 16 dicembre 2013 Attentato al Bar Paisiello Lecce. Uno scoppio nella notte al Bar Paisiello di Lecce. Danneggiato anche il vicino teatro. Degli sconosciuti hanno fatto esplodere un ordigno di medio potenziale davanti al bar in pieno centro a Lecce. L’ordigno è stato fatto esplodere intorno alle 3 di domenica. I danni sono ingenti. Lo scoppio ha provocato una voragine davanti all’ingresso, danneggiati anche le abitazioni e le strutture vicine. Transennato anche il vicino teatro Paisiello per alcuni danneggiamenti dopo lo scoppio. Recentemente la gestione del bar era cambiata, a gestirlo tre nuovi soci. Polizia e carabinieri hanno avviato le indagini, non si esclude la mano del racket delle estorsioni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!