Ciclismo. Anilli sesto alla Coppa del Mare

Alba Adriatica. La vittoria era vicina, ma una caduta di gruppo ha rallentato la marcia dell'andriese

ALBA ADRIATICA – Buon esordio condito da un pizzico di rabbia, per la “Zerokappa-Rotolificio Pugliese” Terra di Puglia Andria che ha mancato la vittoria e si è dovuta accontentare del sesto posto di Carmine Anilli. Ad Alba Adriatica è andata in scena la 27^ “Coppa del Mare” per la categoria Juniores, che ha visto ai nastri di partenza 145 corridori sui 170 iscritti provenienti da tutta Italia. La gara è stata veloce come dimostra la media oraria di 42,873 km, e si è svolta su un circuito di 3 km reso pericoloso dall’elevato numero dei partecipanti. La “Zerokappa-Rotolificio Pugliese” era presente con la squadra al completo: Carmine Anilli, Giovanni Antonino, Angelo Lucarella, Aldo Zucaro, Alessio Simone e Jonathan Martimucci. La corsa è stata caratterizzata da diversi tentativi di fuga anati dalle squadre che avevano il velocista. All’arrivo tutto sembrava procedere per il meglio per l’atleta Anilli, che avrebbe potuto giocarsi nella volata finale la vittoria della gara. Purtroppo a soli 800 metri dal traguardo, Anilli è stato costretto a frenare e rallentare per non essere coinvolto in una brutta caduta di altri atleti. Questo rallentamento ha vanificato il tentativo di rimettersi in gioco per la vittoria finale, ma la sua caparbietà gli ha comunque permesso di ottenere un positivo sesto posto. Da registrare anche il buon piazzamento di Refiero Di Maio (ottavo posto) della “Zerokappa Boscoreale”. “Il risultato della gara ci lascia con l’amaro in bocca – ha commentato il direttore sportivo Nicola Perrotta -. Considerando lo straordinario recupero che era riuscito ad Anilli, il ragazzo poteva giocarsi la vittoria senza quel rallentamento a pochi metri dalla fine. Ci rifaremo senz’altro domenica prossima a Bellona, in provincia di Caserta, nel Gran Premio di apertura del 2014”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment