‘Allacciate le cinture’. E i gioielli sono futuroRemoto

Lecce. Creazioni di Gianni De Benedittis nell’ultimo film di Ferzan Ozpetek presentato ieri a Lecce in anteprima nazionale

LECCE – Dopo “Mine Vaganti” e “Magnifica presenza”, “Aida” e “La Traviata”, un’altra importante collaborazione del jewel designer Gianni De Benedittis, del brand futuroRemoto, con il regista Ferzan Ozpetek, per il suo ultimo film “Allacciate le cinture”, che uscirà nelle sale domani ma è stato presentato ieri a Lecce in anteprima nazionale. I gioielli indossati dalle attrici del film sono tutti pezzi unici in oro, argento e pietre dure naturali, disegnati e creati da Gianni De Benedittis in armonia con le scelte artistiche del regista Ferzan Ozpetek e le indicazioni stilistiche del costumista Alessandro Lai. Linea pulita per il minimal mood delle collane rosario, in argento e tormaline, indossate da Viviana/Dora (Elena Sofia Ricci); accattivanti i daily jewels di Maricla (Luisa Ranieri), come il bracciale, gli anelli Roses in argento e gli orecchini in madreperla e turchesi.

Allacciate le cinture

Carla Signoris, Filippo Scicchitano ed Elena Sofia Ricci con collana Rosario di Gianni De Benedittis

Luisa Ranieri

Luisa Ranieri con orecchini di Gianni De Benedittis Più impegnativi, invece, gli anelli Corona, in oro e diamanti, indossati da Silvia (Carolina Crescentini) e il Promise Ring in oro giallo indossato da Elena (Kasia Smutniak) che, in una scena festosa del film, sfoggia sul petto anche una particolarissima spilla di corallo rosso del Mediterraneo.

Carolina Crescentini

Carolina Crescentini con anelli Corona di Gianni De Benedittis “Stimo molto Ferzan Ozpetek, sia come amico che come regista – dice De Benedittis -; le sue scelte artistiche sono sempre originali e la sua spiccata attenzione al dettaglio non gli fa mai perdere la visione d’insieme. Nuovo film, diversi personaggi, altre sensibilità da esaltare, anche attraverso elementi accessori come il gioiello che, soprattutto per una donna, diventano importanti”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment