Capone con gli avvocati: ‘Grande attenzione ai vostri bisogni’

Lecce. Il deputato del Pd ha incontrato i rappresentanti del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Lecce

LECCE – E’ un punto preciso quello da cui si è dipanato l’incontro di ieri tra i rappresentanti del Consiglio dell’Ordine degli avvocati di Lecce e Salvatore Capone, parlamentare Pd del Salento, in rappresentanza anche di Teresa Bellanova, sottosegretaria al Lavoro: quella dell’Avvocatura non è una difesa corporativa piuttosto una piattaforma programmatica con l’obiettivo di una “giustizia giusta”, per consentire a tutti i cittadini di poter tutelare i propri diritti e contro quella rottamazione della giustizia paventata dagli avvocati italiani che, ancora in questi giorni, proseguono la loro manifestazione di protesta con l’astensione dell’attività d’udienza. Presenti il presidente del Consiglio dell’Ordine Raffaele Fatano, la segretaria del Consiglio Roberta Altavilla, i consiglieri Vincenzo Caprioli e Anna Rita Maraschio; l’incontro ha toccato i punti salienti alla base della protesta: dall’esigenza ormai indifferibile di una riforma organica della giustizia alle questioni più strettamente territoriali ma non meno urgenti, comprese quelle connesse con la riforma della geografia giudiziaria e soprattutto la sua attuazione. “Già nei giorni scorsi – ha sottolineato Salvatore Capone – nell’incontro alla Camera con il ministro Orlando avevamo fatto nostra la necessità di un’interlocuzione con il Ministero e il Governo, a più riprese espressa dall’Avvocatura e dal Consiglio dell’Ordine. L’attenzione della deputazione parlamentare salentina nei confronti della piattaforma espressa dall’Avvocatura è totale e, anche a nome della sottosegretaria Bellanova, ribadisco il nostro impegno in questa direzione. D’altra parte già il Consiglio dell’Ordine ha avanzato formalmente una richiesta di incontro al Ministro per poter rappresentare il proprio punto di vista. Sono e siamo convinti che la protesta degli avvocati imponga una riflessione seria sulle questioni nodali della giustizia, sia civile sia penale, e soprattutto sul modo in cui questo si traduce da una parte nel lavoro degli avvocati, dall’altra nel diritto alla difesa da parte dei cittadini. La riforma della giustizia, che per il Governo è una priorità, come ha sottolineato il presidente del Consiglio sia al Senato sia alla Camera, non può prescindere dall'ascolto e dal coinvolgimento degli attori principali, da coloro che della macchina-giustizia conoscono punti dolenti e virtù, e che tra i punti qualificanti della piattaforma hanno richiesto un impegno per una giustizia giusta, efficiente e veloce che prenda il posto di una giustizia che sino ad oggi è stata in troppi casi lenta, in altri ingiusta, inefficace o non equa. E’ una delle prove a cui come Parlamento siamo chiamati, e a cui è chiamato anche il Governo nazionale. Sosterremo la richiesta di incontro già avanzata, sicuri della disponibilità e della massima attenzione da parte del ministro Orlando”. Articolo correlato: Bellanova e Capone al ministro: ‘Ascoltare gli avvocati'

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment