In fiamme l’auto del comandante carabinieri

Vernole. L’episodio a poche ore di distanza dall’operazione Network. Probabile collegamenti con la Scu

VERNOLE – Ci potrebbe essere la mano della Scu dietro l’incendio che si è sviluppato la scorsa notte ai danni di una vettura parcheggiata in via Enrico Toti a Vernole. Perché quell’auto, una Skoda Octavia, era di proprietà del comandante dei carabinieri di Vernole, Carmine Schirinzi. E l’incendio è avvenuto a troppo poco tempo di distanza dall’arresto di 43 persone considerate affiliate alla sacra Corona Unita nell’ambito della maxi operazione denominata “Network”. Certo è che le fiamme non si sono sviluppate in maniera accidentale, dal momento che poco prima dell’una di notte qualcuno ha visto un uomo col volto travisato da passamontagna che appiccava il fuoco. Il gesto potrebbe dunque essere una intimidazione nei confronti di chi ha condotto l’operazione concòlusasi con gli arresti. Del resto, molte delle persone indagate sono originarie dei territori di Vernole e del Nord Salento. Delle indagini si occupano i carabinieri che cercheranno di ricostruire il movento del gesto e risalire all’identità del responsabile.

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati