In fiamme l’auto del comandante carabinieri

Vernole. L’episodio a poche ore di distanza dall’operazione Network. Probabile collegamenti con la Scu

VERNOLE – Ci potrebbe essere la mano della Scu dietro l’incendio che si è sviluppato la scorsa notte ai danni di una vettura parcheggiata in via Enrico Toti a Vernole. Perché quell’auto, una Skoda Octavia, era di proprietà del comandante dei carabinieri di Vernole, Carmine Schirinzi. E l’incendio è avvenuto a troppo poco tempo di distanza dall’arresto di 43 persone considerate affiliate alla sacra Corona Unita nell’ambito della maxi operazione denominata “Network”. Certo è che le fiamme non si sono sviluppate in maniera accidentale, dal momento che poco prima dell’una di notte qualcuno ha visto un uomo col volto travisato da passamontagna che appiccava il fuoco. Il gesto potrebbe dunque essere una intimidazione nei confronti di chi ha condotto l’operazione concòlusasi con gli arresti. Del resto, molte delle persone indagate sono originarie dei territori di Vernole e del Nord Salento. Delle indagini si occupano i carabinieri che cercheranno di ricostruire il movento del gesto e risalire all’identità del responsabile.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!