‘Vediamocinema’, pellicole rosa

Lequile. Parte oggi il viaggio in cinque tappe alla scoperta dell’universo femminile. Un appuntamenti a settimana con le selezioni della videomaker Paola Restelli

(ph: una scena del film “Pane e tulipani” in programmazione oggi) LEQUILE – Cinque appuntamenti, uno a settimana. Tutti al femminile. E’ una rassegna cinematografica che si tinge di rosa quella a cura dei Laboratori Urbani Fabbrica Paladini e della Commissione Pari Opportunità di Lequile. Si chiama “Vediamocinema” e propone al pubblico le selezioni della videomaker Paola Restelli. Il viaggio è lungo un percorso alla scoperta dell'universo femminile. Si parte oggi, 23 febbraio, con la storia di Rosalba (Licia Maglietta), la protagonista di “Pane e Tulipani”, che si ritrova a giocare la sua partita con il destino e il riscatto durante una gita con il marito e i due figli. Domenica 2 marzo è la volta de “Il segreto di Esma“, lungometraggio d'esordio della documentarista bosniaca Jasmila Zbanic. Una pellicola intrisa di sensibilità femminile che racconta le problematiche delle donne reduci dalla guerra in Jugoslavia. L'8 marzo special event dedicato alla festa delle donne con “Vogliamo Anche Le Rose” per la regia di Alina Marazzi, film-documentario che racconta il cambiamento degli usi e costumi dell'Italia a cavallo tra gli anni '60 e '70 grazie al movimento femminista. Domenica 16 marzo è la volta di “Volver” di Pedro Almodovar, con Penélope Cruz, la storia di tre generazioni di donne alle prese con una vita non facile. Ultimo appuntamento, tra un mese, domenica 23 marzo con “Il matrimonio di Lorna” di Jean-Pierre e Luc Dardenne, storia di Lorna, giovane immigrata albanese a Liegi che per ottenere la cittadinanza e realizzare il suo sogno cade nelle mani della malavita. Le proiezioni avranno tutte inizio alle ore 18.00; Costo del biglietto: 3 euro (oppure 10 euro in abbonamento per tutti e cinque gli spettacoli).

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!