Le imprese industriali al Sud. Cinque anni in un Rapporto

Bari. Oggi la presentazione dello studio condotto dalla Fondazione Ugo La Malfa

BARI – Cinque anni di imprese al Sud. Quali sono i trend, i risultati, le principali criticità. Se ne discute oggi presso il Centro Polifunzionale dell’Ex Palazzo delle Poste di Bari, in occasione della presentazione del terzo rapporto della Fondazione Ugo La Malfa, “Le imprese industriali del Mezzogiorno 2008 – 2012”. All’incontro prenderà parte anche il presidente della Regine Puglia Nichi Vendola. I lavori saranno aperti dal rettore dell’Università Antonio Felice Uricchio e si concluderanno con il discorso del presidente della Regione Puglia Nichi Vendola. Il Rapporto sarà illustrato dalla relazione di Giorgio La Malfa. Seguiranno gli interventi di Lelio Borgherese, presidente e AD Network Contacts; Felice Delle Femine, Regional Manager Sud Italia Unicredit; Domenico Favuzzi, presidente Confindustria Puglia; Maximo Ibarra, AD e DG Wind; Massimo Lo Cicero, economista docente Università La Sapienza di Roma; Federico Pirro, docente di Storia dell’industria all’Università di Bari. Presiede Mauro Aparo, segretario generale della Fondazione Ugo La Malfa. Lo studio, relativo al periodo 2008-2012, prende in esame i dati di bilancio delle imprese industriali di medie e grandi dimensioni che hanno sede nel Sud d’Italia. I dati sono stati raccolti e elaborati dalla Fondazione Ugo La Malfa grazie a un accordo con l’Area Studi di Mediobanca, che dispone di un vasto archivio di bilanci di impresa. Prima del 2011, anno di pubblicazione del Primo Rapporto della Fondazione Ugo La Malfa, non esistevano studi sistematici sui settori di attività, sulla localizzazione e sui bilanci delle imprese meridionali.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment