Al TennisClub Casarano la Coppa invernale maschile

Foggia. Disputata ieri la Finale di ritorno contro il Tennis Club Foggia. Il team è rinato sotto la presidenza di Sergio Stefanelli

FOGGIA – Si è disputata il 16 febbraio a Foggia la finale di ritorno della Coppa Invernale Maschile 2013-2014 (fase Regionale) tra il Tennis Club Casarano e il Tennis Club Foggia. La squadra maschile del Tennis Club Casarano, con i suoi atleti Giovanni Ria, Armando Petracca, Gianni D’Aprile, Maurizio Calò e Nicola Mammolo, ha vinto 3-1 ed è stata proclamata campione della Coppa Invernale Maschile. Il primo singolare è stato perso da Maurizio Calò, battuto 6/0 – 6/0 dal tennista del Foggia Enzo Spadavecchio, ma poi il Casarano ha vinto il secondo singolare con Giovanni Ria che ha battuto Stefano Fasano del TC Foggia 6/1 – 6/1 e il doppio con Armando Petracca e Gianni D’Aprile, contro Luigi Fiordelisi e Gioacchino Colonna del TC Foggia con il punteggio di 6/1-1/6 -10/4 al tie-break. Si è poi disputato il doppio di spareggio, avendo perso il Casarano nella finale di andata 2-1 e vinto 2-1 a Foggia. Giovanni Ria e Armando Petracca hanno battuto i tennisti del TC Foggia Luigi Fiordelisi e Enzo Spadavecchio 7/5 – 6/7 -10/2 al tie-break. “Dopo un 2013 ricco di successi, con il titolo Regionale under 16 conquistato dalla squadra femminile composta da Andreina Pino e Alessandra Nicolardi e la grande prestazione dei piccoli under 8 che hanno rappresentato la Provincia di Lecce a Napitia – afferma il direttore sportivo Rocco Piceci – il Tennis Club Casarano ha raggiunto un altro ambito traguardo”. Rinato sotto la presidenza di Sergio Stefanelli il Tennis Club di Casarano ha tre campi in terra rossa di cui due coperti, uno in erba sintetica e una Club House con bar e ristorante rinnovati di recente.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment