Il Mercatino del gusto, da Maglie alla Bit

Milano. Oggi nello stand della Regione Puglia, la presentazione della manifestazione che si terrà a Maglie dall’1 al 5 agosto

MILANO – Dove presentare un evento che si terrà bel Salento in piena estate se non a Milano? Milano è, in questi giorni, la capitale del turismo. Ed è proprio lì, in occasione della Bit, la Fiera internazionale del turismo, che oggi alle 13 si terrà l'incontro “L'esperienza del Mercatino del gusto tra passato e futuro. Comunicare, promuovere, narrare il territorio“. Interverranno Fabrizio Nardoni, assessore regionale alle Risorse Agroalimentari, Giacomo Mojoli, esperto in Design thinking applicato al Food & Wine, e Salvatore Santese, presidente del Comitato Mercatino del Gusto. L'incontro sarà l'occasione per presentare la quindicesima edizione della manifestazione che si terrà a Maglie da venerdì 1 a martedì 5 agosto. Il Mercatino del Gusto rappresenta un osservatorio sulla cultura enogastronomica pugliese: in questi anni la manifestazione è stata testimone della crescita e dello sviluppo del settore, convogliando nella sua programmazione l’eccellenza delle produzioni regionali, le nuove tendenze e le realtà emergenti. La manifestazione prende il nome dalle circa 90 bancarelle di espositori regionali dislocate fra cortili, giardini, piazze, vie e palazzi di Maglie. Il pubblico, curioso e attento, ha l'opportunità di scoprire i prodotti della tradizione alimentare salentina e regionale, incontrando e parlando direttamente con casari, pastai, vignaioli, birrai e frantoiani. Apparentemente il mondo del turismo enogastronomico è continuamente alla ribalta, eppure, mai come in questo momento è necessario ritrovare un filo conduttore che permetta di leggere con precisione la realtà dello scenario socio-economico contemporaneo, per ritornare positivamente a progettare il futuro.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!