Evasione fiscale. Pescheria nella rete della Finanza

Tricase. I controlli della Guardia di finanza hanno riguardato l’anno 2011; il titolare dell'esercizio non ha dichiarato ricavi per 550mila euro

TRICASE – Nel solo 2011 ha omesso di dichiarare ricavi per oltre 550mila euro ed evaso l’Iva per oltre 55mila euro. E’ il risultato della verifica fiscale condotta dai finanzieri della Tenenza di Tricase nei confronti di una pescheria al dettaglio e all’ingrosso. Pur avendo tenuto le scritture contabili obbligatorie, il titolare dell’esercizio ha comunque omesso di presentare le previste dichiarazioni annuali ai fini delle imposte sui redditi, dell’Iva e dell’Irap, omettendo, di conseguenza, di determinare, e dunque di versare, le relative imposte a debito. L’attività ispettiva, inoltre, ha consentito di rilevare che l’azienda non ha versato neppure i circa 28mila euro di ritenute fiscali su redditi di lavoro dipendente e autonomo.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment