Il Giorno del ricordo. Celebrazioni in Consiglio regionale

Bari. Il presidente Introna ha ricordato che la Puglia ospitò circa 4mila profughi, 2mila dei quali nel capoluogo

BARI – Avviata in Consiglio regionale la celebrazione del Giorno del Ricordo. Il presidente, Onofrio Introna, ha introdotto la lezione che alcuni storici rivolgeranno a numerosi studenti sul tema “Il confine orientale tra le due guerre mondiali. I centri di raccolta in Puglia”. Introna ha sottolineato i legami con le pagine tragiche delle foibe e dell’esodo dei profughi giuliano dalmati. Nel secondo dopoguerra, fino a gran parte degli anni Cinquanta, “molte città in tutta la Puglia hanno accolto i profughi negli anni dolorosi dell’allontanamento forzato dalle loro terre, dai loro averi, dagli affetti e dai valori. I principali Centri di raccolta nella nostra regione – erano anni difficili per l’Italia, uscita distrutta dalla guerra – vennero allestiti nel Gargano, a Barletta, Trani, Bari, Altamura, Santeramo e Brindisi. Ma moltissime altre località ospitarono famiglie prive di tutto. E sono tante e toccanti le testimonianze, specie di allora giovani e giovanissimi esuli”. Dati dell’Opera per l’Assistenza stimano in quasi 4mila gli ospiti in Puglia, oltre 2mila dei quali nel capoluogo, nei grandi campi di Santa Fara e al Villaggio Trieste. “Va detto che in Puglia – ha ricordato Introna – le ricerche sull’accoglienza nel territorio regionale di famiglie espulse dall’Istria e dalla Dalmazia sono state avviate autonomamente, già prima dell’istituzione della Giornata. Gli studi storici sui campi profughi di Altamura e di Bari e il contributo della Puglia a questa pagina di solidarietà vengono citati nelle più importanti ricostruzioni nazionali dell’esodo e del profugato”. “Questo momento di riflessione – ha detto Introna, ricordando le parole del presidente Napolitano – ristabilisce l’unità del Paese attorno ai valori della Costituzione, della pace e della democrazia”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno.In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!