Ex Bat. Capone: ‘Un Tavolo per la verifica dell’accordo’

Roma. Il deputato salentino del Pd chiede al ministro Zanonato di fornire ai lavoratori risposte certe

ROMA – “Non si può più aspettare. I lavoratori della ex Bat hanno diritto ad avere le risposte che chiedono. Lo avevamo già chiesto e torniamo a farlo: è più che mai urgente che il Ministro dello Sviluppo Economico convochi un Tavolo con tutti i soggetti interessati per comprendere a che punto sia il progetto di riconversione previsto dall’Accordo firmato il 2 dicembre del 2010 presso il Mise, e prima che la situazione possa irreversibilmente degenerare”. E’ quanto Salvatore Capone, parlamentare Pd, torna a chiedere al Ministro Flavio Zanonato, dopo quanto già sostenuto nelle settimane scorse a sostegno dell’azione di sindacati e Provincia di Lecce. “A distanza di due anni – rimarca il parlamentare – a di quell’accordo, eccezion fatta per gli ammortizzatori sociali, in scadenza, pare essere andato in porto. Non la formazione dei lavoratori, non la ricollocazione degli stessi presso altre aziende, non l’attivazione delle aziende coinvolte dall’accordo. Nonostante, peraltro, i milioni di euro investiti nelle aziende interessate alla ricollocazione. I lavoratori coinvolti e l’intero Salento devono avere risposte chiare su una vicenda che, a leggere con attenzione i documenti, sembra avere dell’incredibile: a smantellare la produzione, infatti, lasciando per strada centinaia e centinaia di famiglie in balìa di una riconversione e ricollocazione ad oggi inesistenti, è stata una società in piena attività, con bilanci più che in attivo, per di più beneficiaria di risorse pubbliche”. Secondo Capone è dunque necessario che il Ministero si faccia urgentemente garante di un Tavolo con tutti i soggetti protagonisti della vicenda, affinché questi diano ai lavoratori risposte chiare sugli impegni assunti. “Quell’accordo, siglato su un Tavolo istituzionale nazionale – conclude il deputato – si è rivelato un vero e proprio bluff ai danni dei lavoratori. E’ urgente che tutte le parti in causa siano obbligate a rispettare quanto sottoscritto, e che i lavoratori abbiano risposte certe sul loro destino e sul loro futuro”. Qui la ricostruzione dell'intera vicenda Ex Bat Articoli correlati: Ex Bat, Capone scrive al Ministro Zanonato Ex Bat. Bellanova: ‘Ip Korus scherza con la vita delle persone' Quattro aziende per la Bat

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati