Stagione di prosa, di scena il thriller

Lecce. Per il secondo appuntamento con la Stagione è la volta di uno spettacolo di Luciano Melchionna. Protagonisti Claudia Pandolfi e Francesco Montanari

LECCE – Un cinema abbandonato, fatiscente, isolato dal mondo all'apparenza. Nella penombra una giovane donna, seduta al centro della platea, tra poltrone divelte e polverose. Davanti a lei, gigantesco, campeggia il primissimo piano del volto di un uomo, proiettato sul vecchio schermo strappato e sporco di muffa. La donna, legata e imbavagliata. L'uomo confessa di essere un serial killer, ha sequestrato la ragazza e la costringe ad un inquietante gioco di società, un gioco di parole e sillabe da 'incatenare' tra loro. E’ “Parole incatenate”, ovvero il secondo appuntamento con la Stagione di Prosa del Comune di Lecce in collaborazione con il Teatro Pubblico Pugliese. Lo spettacolo è di Luciano Melchionna con protagonisti Claudia Pandolfi e Francesco Montanari. “Parole incatenate” è un thriller di Jordi Galceran; versione italiana di Pino Tierno; scene di Alessandro Chiti; costumi di Michela Marino; musiche originali di Stefano Fresi; assistente alla regia Gaia Benassi. L’appuntamento è alle ore 21 al teatro Paisiello. Intanto, alle ore 18.30, è stato organizzato un incontro con Claudia Pandolfi e Francesco Montanari. L’appuntamento con gli attori e il regista dello spettacolo è presso la libreria La Feltrinelli di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment