Antico: ‘L’ospedale di Gallipoli non è sicuro’

Gallipoli. L’inaugurazione del Centro Rianimazione sarebbe avvenuta in mancanza delle autorizzazioni e dei certificati di prevenzione incendi e agibilità

GALLIPOLI – Dopo aver denunciato la mancanza di autorizzazioni e di certificati di sicurezza degli ospedali di Galatina, Copertino e Gallipoli, Francesco Antico, ingegnere, ritorna sulla struttura gallipolina. Recentemente ha infatti avuto luogo l’inaugurazione del Centro di Rianimazione presso l’ospedale della città ionica. Una inaugurazione che sarebbe avvenuta, sostiene, senza che il progetto fosse stato approvato dagli enti preposti e in assenza dei certificati di prevenzione incendi e di agibilità. E’ questo il contenuto dell’ultima denuncia, consegnata presso il Commissariato di Pubblica Sicurezza di Nardò, rivolta alla Procura della Repubblica. “Ricordo che già due anni fa – dice Antico -, in seguito ad una denuncia del 27/11/2011, la ASL di Lecce rispose, dichiarando che nell'ospedale di Gallipoli erano in corso importanti lavori di adeguamento. Oggi dobbiamo assistere all'inaugurazione del Centro di Rianimazione di quell'ospedale, in pompa magna con tanto di autorità, ma senza uno straccio di progetto autorizzato e senza certificati di agibilità e di sicurezza”. Qui la denuncia in originale

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment