5 Stelle: ‘Su Surbo, lo spettro dell’ecotassa’

Surbo. Gli attivisti del M5S chiedono al sindaco di organizzare incontri pubblici per informare i cittadini sulle nuove modalità di raccolta differenziata

SURBO – Incontri pubblici che informino i cittadini su termini e modalità della nuova raccolta differenziata. E’ la richiesta che gli attivisti del Movimento 5 Stelle di Surbo hanno inoltrato al sindaco Fabio Vincenti nelle scorse ore, dicendosi preoccupati per l’immobilismo sul tema da parte dell’Amministrazione. “A tutt'oggi – riferiscono i 5 Stelle – non si conoscono ancora termini e modalità dell'avvio del nuovo servizio di raccolta, in discussione presso l'Ambito di Raccolta Ottimale Le 1 di cui il Comune di Surbo è capofila e il sindaco Fabio Vincenti è presidente. Nonostante la Carta dei Servizi emanata dalla Regione Puglia stabilisca il coinvolgimento della collettività nella fasi di progettazione, attuazione e monitoraggio del nuovo contratto, i cittadini di Surbo e Giorgilorio sono all'oscuro di quanto in itinere”. Ma non è tutto. Perché i “grillini” sollevano anche lo spettro dell’ecotassa, ovvero quel contributo aggiuntivo che la Regione Puglia richiederà per il conferimento in discarica a tutti quei Comuni che entro giugno 2014 non avranno raggiunto il 5% in più di raccolta differenziata rispetto a dicembre 2013. L’augurio, fanno sapere gli autori della lettera, è che l'Amministrazione comunale accolga il sollecito degli attivisti M5Stelle: “in questo periodo storico – dicono -, considerata la grave crisi economica e occupazionale del territorio, non si deve permettere che, solo per l'eventuale inefficienza dell'Amministrazione comunale, i concittadini di Surbo e Giorgilorio siano costretti a pagare ulteriori e gravose tasse”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!