Al via un laboratorio di drammaturgia

Lecce. Partirà a breve un laboratorio partecipato per una drammaturgia del territorio coordina Luca di meo (WuMing 3)

Lecce. Un racconto collettivo sul paesaggio attraversato dai binari. PepeNero realizza “Moving Landascape”, incontro tra linguaggi artistici e narrazioni, all’interno del progetto “G.A.P. la città come galleria d’arte partecipata”, finanziato da Fondazione con il Sud ‘Progetti Speciali e Innovativi 2010’. Moving Landscape è un laboratorio rivolto a scrittori professionisti e non, lettori e narratori che, guidati da Luca di Meo, aka WuMing3, si confronteranno nella costruzione di racconti seguendo metodi di scrittura partecipata dove a intrecciarsi saranno le narrazioni collettive legate al mondo della ferrovia (a partire dall’archivio di interviste, testi e immagini realizzato da la Rete dei Caselli). Obiettivo del laboratorio è l’autoproduzione di un libro d’artista dove narrazioni visuali e scrittura si fondono per reinventare paesaggi nuovi. Modi e tempi Per iscriversi c'è tempo fino al 15 febbraio. La prima fase si articolerà in 8 appuntamenti itineranti in provincia di Lecce che si svolgeranno in luoghi legati alla ferrovia da Marzo 2014 ad Agosto 2014. Nel laboratorio verrà sviluppato anche un modulo formativo su creative commons e crowdfundig. Come partecipare L'iscrizione è gratuita e riservata a un numero di 20 persone selezionate tra chi ne fa richiesta. Per candidarsi occorre inviare all’indirizzo [email protected] una lettera motivazionale, un breve testo (massimo 1 cartella) che racconti il legame con il tuo territorio e un curriculum vitae sintetico. È possibile, per chi lo desideri, inviare dei propri scritti per un massimo di 10 cartelle. Luca Di Meo (aka Wu Ming3) Dalla seconda metà degli anni '80 attivista politico e agitatore culturale nell'area dell'autogestione e delle autoproduzioni controculturali. Co-fondatore (1994) del Luther Blissett Project, partecipe di alcune delle sue gesta, e delle sue pubblicazioni. Firma Q. Co-fondatore del collettivo editoriale Wu Ming e coautore di parte delle sue opere (tra cui i romanzi collettivi Asce di guerra, 54, Manituana). Piacevoli incursione nel cinema con la sceneggiatura del film di G. Chiesa “Lavorare con lentezza”, e poi sempre con lo stesso, nel docu “Le pere di Adamo”. PepeNero è un’associazione di promozione sociale. Dal 2011 sostiene e progetta iniziative che attivino processi partecipativi di cittadinanza attiva sul recupero e la valorizzazione di spazi pubblici e aree dismesse favorendo la diversificazione delle specificità territoriali. Con il progetto Rete dei Caselli Sud Est vincitore del bando regionale Principi Attivi 2010 dà avvio al progetto di recupero e riqualificazione dei caselli ferroviari delle Sud Est. Le varie azioni intraprese durante i due anni hanno messo in luce un tema che da tempo sembrava dimenticato e che si rivela come una risorsa chiave e trans-disciplinare presente sul territorio. Con Moving Landscape si continua il percorso intrapreso, l’obiettivo è rendere l’archivio della Rete materiale vivo e aperto a possibili letture. www.neropepe.it/www.retedeicaselli.com/ http://www.esperienzeconilsud.it/la-rete/pepenero Il progetto Gap è un esteso laboratorio territoriale di sperimentazione e contaminazione dei linguaggi contemporanei dell’arte nel dialogo con il tessuto sociale e geografico di confine e si realizza attraverso il coinvolgimento della comunità come risorsa necessaria per la progettazione e creazione di servizi e sistemi fruibili da parte di persone con esigenze, abilità, culture e bisogni diversificati. I laboratori si concretizzano attraverso diverse azioni di riqualificazione del territorio e di risposta alla scarsa valorizzazione dei luoghi di aggregazione informale, in particolare degli spazi all’aperto. Gap è realizzato con il sostegno della Fondazione Con Il Sud Progetti Speciali e Innovativi 2010 e con il contributo della Regione Puglia.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!