Bellanova, ‘Shoah e memoria: sempre vigili’

Lecce. Lo ribadisce Teresa Bellanova, bisogna essere sempre vigili: ‘Shoah e memoria: sempre vigili, il seme dell'intolleranza è ancora vivo’

Lecce. L’onorevole Bellanova ribadisce il suo personalissimo messaggio sulla giornata della memoria. “La Giornata della Memoria non è solo un doveroso omaggio per ricordare le vittime dell'Olocausto, una delle pagine più buie della storia dell'umanità, ma soprattutto sprono alla riflessione come monito per il presente. Bisogna ricordare e restare vigili ogni giorno, imparare dal passato per non permettere che si ripetano più orrori simili, non solo con parole o cerimonie, ma con un comportamento nel quotidiano che non sia di disprezzo verso ogni forma di diversità. Non si può abbassare la guardia perché il seme avvelenato dell’intolleranza è ancora vivo. Lo conferma l’oltraggiosa provocazione di due giorni fa messa in atto contro la comunità ebraica nella Capitale, con l'invio di teste di maiale alla sinagoga, all'ambasciata israeliana e ad un museo che ospita una mostra sulla cultura ebraica. E ancora, la comparsa di svastiche e slogan antisemiti sulle mura del III Municipio di Roma. Segni tangibili questi, dei limiti della natura umana e che dimostrano come negli anfratti dell’ignoranza, cova ancora quella matrice ideologica di odio contro la diversità che ancora oggi serpeggia in Europa sotto varie forme e in pericolosi movimenti razzisti e antisemiti che istigano all'intolleranza minando il bene e la tranquillità tra i popoli. Fatti così gravi e preoccupanti confermano l'importanza del Giorno della Memoria e ci rafforzano nell’impegno quotidiano a lottare per il rispetto della vita e della dignità dell'essere umano, al di la di ogni colore, religione e nazionalità. E' importante che tutti, Istituzioni, Associazioni, agenzie educative e cittadini vivano questa giornata con spirito collettivo. Come è importante che i giovani partecipino alle tante iniziative promosse in tutta Italia per comprendere il senso più profondo di questa ricorrenza che impone di non dimenticare, ma anche di “tramandare” la cultura della condivisione e comprensione contro ogni forma di diversità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!