Nisi, 'chiarezza sul carico di amianto'

Galatone. Un carico di amianto da smaltire raggiungerà nei prossimi giorni il comune salentino, il sindaco Nisi chiede chiarezza.

Galatone. Il Sindaco Livio Nisi vuole chiarezza sulla notizia relativa all’arrivo dalla Sicilia di una nave cargo trasportante un carico di 20.000 tonnellate di amianto (c’è chi parla di 4.000/7.000 tonnellate) che starebbe per attraccare nei prossimi giorni nel Porto di Gallipoli. L’amianto, secondo notizie trapelate, dovrebbe essere trasportato e smaltito presso la discarica della Ditta R.E.I., ubicata alla Contrada ‘Castellino’ in agro di Galatone ed autorizzata sin dal 2009 per i rifiuti inerti e dal 2011 per l’amianto. Il primo cittadino ritiene che è necessario porre in essere tutte le attività di controllo e di verifica del caso, sia all’interno dell’area portuale, sia durante la fase del trasporto fino alla discarica, sia per lo smaltimento all’interno della stessa. Il Sindaco Nisi aggiunge che innanzi tutto è necessario verificare la compatibilità del materiale di rifiuto, nonché le reali quantità da smaltire – in considerazione di quanto in generale previsto negli atti autorizzativi ed in particolare rispetto alle “prescrizioni generali sul conferimento” – tenendo presente la capienza della discarica per come autorizzata. Da giorni il Sindaco Nisi è in stretto contatto con l’Ufficio Ambientale della Provincia di Lecce. “I cittadini, afferma Livio Nisi, hanno diritto di sapere che l’Amministrazione Comunale è sempre presente laddove le problematiche ambientali e i risvolti sulla salute pubblica assumono carattere di rilevanza. Proprio con tale obbiettivo Egli ha trasmesso una missiva alla Capitaneria di Porto di Gallipoli, all’Ufficio Ambiente della Provincia di Lecce, alla Polizia Provinciale, all’Ufficio Controllo e Gestione del P.R.A.E., all’ARPA Puglia ed all’ASL, con la quale ha chiesto collaborazione, maggiori informazioni, controlli e verifiche”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!