L’artigianato leccese in mostra su Google

Lecce. La Camera di Commercio presenta l’arte della cartapesta sulla piattaforma google.it/madeinitaly

Lecce. La cartapesta leccese approda sulla mostra virtuale dedicata al made in Italy, promossa da Google. La Camera di Commercio di Lecce partecipa infatti al progetto, sviluppato da Google e Unioncamere, in collaborazione con il ministero per le Politiche Agricole Alimentari e Forestali, che punta a valorizzare le risorse locali del comparto agroalimentare e artigianale attraverso la piattaforma google.it/madeinitaly. Sulla pagina web, cliccando su Lecce, sarà possibile effettuare un interessante viaggio virtuale in tempo reale, ripercorrendo l’antica storia della cartapesta della città barocca, grazie a un certosino lavoro di ricerca effettuato dall’ente camerale, corredato di notizie, foto, presentazioni, didascalie. La Camera di Commercio di Lecce, che già a maggio dello scorso anno aveva aderito all’iniziativa “Distretti sul web”, anche questa promossa da Google e Unioncamere, allo scopo di digitalizzare le piccole e medie imprese del settore tessile-abbigliamento, punta ancora una volta, alla promozione delle eccellenze del territorio attraverso la rete. Con “Distretti sul web”, le aziende salentine che hanno aderito, hanno riscontrato in breve, ricadute positive in termini di aumento di contatti e visibilità. La nuova sfida, rivolta alle eccellenze del made in Italy, si pone gli stessi obiettivi, cui si aggiungono il contrasto alla contraffazione e all'italian sounding. Cliccando sulle diverse città italiane, evidenziate nella cartina geografica presente su www.google.it/madeinitaly, sarà possibile scoprire oltre 100 punte di diamante delle produzioni locali raccolte nella mostra, realizzata per l'Italia dal Google Cultural Institute, passando dalla liuteria cremonese al Parmigiano Reggiano, dal pane di Altamura alle creazioni colorate e sinuose, plasmate dai maestri cartapestai di Lecce.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!