Unanimità all'uso di cannabinoidi per finalità terapeutiche

Bari. La terza commissione regionale delibera favorevolmente per l’erogazione di cannabinoidi per finalità terapeutiche

Bari. Consenso unanime della terza Commissione presieduta da Dino Marino, per la proposta di legge che disciplina le “modalità di erogazione dei farmaci e dei preparati galenici magistrali a base di cannabinoidi per finalità terapeutiche”. Si tratta di una iniziativa legislativa (a firma del capogruppo di Sel, Michele Losappio) già sottoposta alla verifica degli uffici competenti e che quindi sostituisce una proposta precedente depositata in Commissione. La Regione Puglia adottando questa normativa sia allinea ad altre Regioni italiane e soprattutto recepisce un percorso nazionale sancito da una legge del Governo Monti (n.38 del 2010) che ha reso possibile l’uso di alcuni derivati naturali o di sintesi dei cannabinoidi per la cosiddetta terapia del dolore su pazienti affetti da patologia cronica o da malattia terminale, come cura palliativa del dolore e di altre forme di disabilità fisica e mentale. La Giunta regionale il 9 febbraio del 2010 è intervenuta con una delibera nel percorso definito dal Ministero della salute, consentendo così una pratica sperimentale nel presidio ospedaliero di Casarano “con ampi risultati e riconoscimenti al punto da diventare un polo di attrazione nazionale” – ha sottolineato Michele Losappio. La legge approvata dalla Commissione è composta di 7 articoli e si pone l’obiettivo di completare con uno strumento normativo questo percorso prevedendo e disciplinando anche la possibilità di un ricorso extra-ospedaliero. Losappio ha raccolto all’interno della Commissione le fatidiche 5 firme per consentire alla proposta di legge una corsia privilegiata di accesso alla discussione in Aula.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment