Congedo, ancora fermi i lavori al Fazzi

Lecce. Interrogazione urgente di Congedo sul blocco dei lavori al Dipartimento di Emergenza Urgenza del Vito Fazzi di Lecce

Lecce. Il vice presidente vicario del gruppo Pdl/Fi in Consiglio regionale Saverio Congedo ha presentato un’interrogazione urgente al presidente della Giunta della Regione Nichi Vendola e all’assessore alla Salute Elena Gentile sulla questione del blocco dei lavori del cantiere per il nuovo Dipartimento di Emergenza Urgenza dell’ospedale Vito Fazzi di Lecce. “Ci chiediamo e soprattutto si chiedono i cittadini del Salento – scrive Congedo nella interrogazione – se e in che misura risponde al vero la notizia di un blocco dei lavori al cantiere del Fazzi, riportato in questo giorni dai mezzi di informazione. Ci chiediamo, al di là delle cronache giornalistiche, quale siano le ragioni di questo stop – tecniche, burocratiche o economiche – considerato che appena quattro mesi fa il presidente Vendola e l’assessore Gentile per la nuova struttura scomodavano espressioni come “polo d’eccellenza” e “ospedale dei sogni”, fissando un timing di 600 giorni per la sua realizzazione. Sarebbe opportuno sapere dal governo regionale se la già controversa storia giudiziaria di questo progetto dovrà arricchirsi di una nuova pagina, confermando purtroppo i timori che all’epoca abbiamo espresso sul fatto che dopo oltre 8 anni, ben 4 diversi assessori al ramo e un fiume di denaro, della nuova struttura avessimo (e continuiamo ad avere) un progetto sulla carta o poco più. Ci chiediamo quindi se non sia il caso di sbrogliare questo rimpallo di responsabilità tra i soggetti coinvolti (Asl, Ati, ecc.) prima che diventi una nuova lite giudiziaria, con tutte le conseguenze del caso, e se il governo della Regione Puglia ha già pianificato una strategia generale d’uscita da questa situazione d’impasse, che – se confermata – certamente ha conseguenze che vanno oltre l’allungamento dei tempi, comunque grave, per la realizzazione del Dipartimento”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!