Una petizione contro il ripetitore

Lecce. Nuovo ripetitore a Lecce. Lo “Sportello dei Diritti” promuove la petizione dei residenti della zona di via Rampolla e S. Ligorio

Lecce. Un altro ripetitore per telecomunicazioni nei pressi di una zona residenziale di Lecce. A interessarsi della vicenda ‘Lo sportello dei diritti. “Ne abbiamo ricevute decine, nel corso degli anni di questo tipo di segnalazioni ed anche questa volta lo “Sportello dei Diritti”, ha deciso di promuovere e di rendere pubblica una petizione popolare che nasce dai residenti della zona di via Rampolla e San Ligorio, indignati per l’assoluta improvvisazione ed assenza d’informazione con la quale è stato deciso d’installare una nuova antenna a poche decine di metri dalle abitazioni. Per tali ragioni, Giovanni D'Agata, presidente dello “Sportello dei Diritti”, rifacendosi al contenuto della motivata petizione popolare che s’inoltra unitamente al comunicato stampa, e congiuntamente ai cittadini che abitano nella zona compresa tra via Rapolla e San Ligorio, rivolge un accorato appello agli amministratori del capoluogo leccese affinché si attivino immediatamente per revocare le autorizzazioni all’installazione del nuovo ripetitore la cui utilità, peraltro, non si comprende in un’area già sufficientemente coperta dai segnali della rete mobile e che pertanto risulta già essere inquinata da onde elettromagnetiche di elevata frequenza. Ad ogni modo, e per quanto sottolineato nella petizione lo “Sportello dei Diritti”, chiede che siano effettuate tutte le opportune verifiche e controlli e vengano prese le iniziative indicate nel documento sottoscritto dai cittadini, comunicando sin da ora di essere disponibile ad un incontro urgente con il singolo e gli amministratori di Lecce”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!