Con un 1 kg di marijuana in casa: arrestato

Gallipoli. Arrestato un ex fioraio di Galatone, in casa aveva circa un chilo di marijuana e una pistola scacciacani

Gallipoli. I militari dell’Aliquota Operativa del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Gallipoli hanno nella serata di ieri proceduto all’arresto di un uomo di Galatone, Mauro Quarta, 40enne, disoccupato, ex fioraio, con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti. L’operazione che ha portato al ritrovamento della droga nell’abitazione è derivata da un controllo alla circolazione stradale cui è stato sottoposto il Quarta nel tardo pomeriggio di ieri. Durante lo stesso, nel quale a di illecito è stato rinvenuto, l’uomo ha mostrato un atteggiamento estremamente sospetto e nervoso, inducendo i militari nel ritenere che stesse nascondendo qualcosa di illecito nella sua abitazione. Giunti alla stessa, ed avviata una perquisizione domiciliare, i militari hanno ritrovato, all’interno del contatore della luce, un pacchetto contenente oltre 15 grammi di eroina “brown sugar”. Successivamente, in uno stanzino posto in un cortile interno dell’abitazione, chiuso con un lucchetto e la cui chiave era nell’esclusiva disponibilità del Quarta, i militari hanno rinvenuto una scatola da scarpe con all’interno una busta con oltre un chilo di marijuana e una scatola da trapano contenente una pistola tipo “scacciacani” privata del tappo rosso. Quanto rinvenuto è stato sottoposto a sequestro e l’arrestato, dopo le formalità di rito, su disposizione del P.M. di turno, Dott.ssa Stefania Maria Mininni, è stato tradotto presso la Casa Circondariale di Lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment