Cassa integrazione, oltre 6 milioni le ore autorizzate nel 2013

Lecce. A dicembre nuova impennata: +72% su novembre. Giannetto: ‘Si è chiuso un anno difficile, servono misure tangibili di crescita’

Lecce. Si è chiuso un anno difficile per l’occupazione salentina, che sostanzialmente ha riprodotto le difficoltà del 2012. Secondo i dati Inps elaborati nel XII rapporto UIL 2013 sull’utilizzo della cassa integrazione nella provincia di Lecce, infatti il totale delle ore di cassa integrazione autorizzate nell’intero 2013 sono state 6.015.359, con un calo del -31,1% rispetto al totale del 2012, che si riferisce soprattutto al calo della cassa in deroga, pari al 78,5%, dovuto alla carenza di risorse economiche stanziate dal Governo centrale a copertura di questo strumento di sostegno. Nel dettaglio, nel corso dell’anno appena concluso, sono state autorizzate: 3.145.183 ore di cigo (+33%); 1.808.915 ore di cigs (+26) e 1.061.261 ore di cigd (-78,5). Per quanto riguarda il mese di dicembre 2013, il XII Rapporto Uil evidenzia una nuova impennata delle ore di cassa integrazione autorizzate, pari al 72,3%. Nello specifico, le ore di cig autorizzate nel mese di dicembre 2013 sono state pari a 619.140 contro le 359.333 di dicembre 2012. In aumento è la cassa integrazione straordinaria (+830,4%, 387.043 ore autorizzate), mentre calano la cassa ordinaria (-15,1) e soprattutto la cassa in deroga, che fa segnare un -73% con 17.586 ore autorizzate. Anche il raffronto fra dicembre 2012 e dicembre 2013 fa registrare un complessivo incremento delle ore autorizzate (da 503.345 a 619.140), pari al +23% (+615,7 cigs, -11,1 cigo e -91,5 cigd). “Si chiude un anno duro – commenta Salvatore Giannetto, segretario generale Uil Lecce – in un contesto di forte instabilità che ha visto il nostro territorio coinvolto in un più generale trend di crisi diffusa. Si continuano a bruciare quotidianamente posti di lavoro, il che determina conseguenze drammatiche a livello sociale, che sono sotto gli occhi di tutti. Di fronte a questi dati, non si può che auspicare una rapida ripresa del nostro sistema economico attraverso la messa in atto di politiche ad hoc. Nel brevissimo termine, occorre invece assicurare per il 2014 un congruo stanziamento di risorse per la cassa in deroga di cui ancora massicciamente si fa richiesta. Dopo mesi di incertezze – evidenzia Giannetto – ieri è arrivata la firma dell’accordo che proroga gli ammortizzatori sociali in deroga fino al prossimo 31 marzo. Rimane forte, tuttavia, la preoccupazione per le risorse necessarie alla copertura dell’intero anno, considerato che una parte del finanziamento nazionale di 1,6 miliardi andrà a coprire i mesi da ottobre a dicembre 2013 non ancora pagati e che mancano totalmente da parte del governo centrale le certezze sulle regole da seguire sui rinnovi degli ammortizzatori. La verità è che si sta perdendo tempo prezioso, deprimendo oltremodo un Paese che piuttosto avrebbe bisogno di misure tangibili di crescita. Significativa, in tal senso – conclude il segretario generale della Uil di Lecce – sarebbe una riduzione delle esose tasse sul costo del lavoro e una maggiore flessibilità del sistema creditizio in favore delle imprese”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!