Tenta furto in abitazione estiva: arrestato

Ugento. Un 31 enne del posto è stato arrestato mentre tentava di rubare presso un’abitazione estiva.

Ugento. I Carabinieri della Stazione di Ugento collaborati dai militari della Compagnia di Casarano- Aliquota Radiomobile- hanno tratto in arresto, nella serata di ieri, per furto aggravato un 31enne di Ugento, afacente, conosciuto FF.PP. I fatti per i quali si è proceduto all’arresto hanno avuto origine nel pomeriggio di domenica, in Ugento, ove i Militari della locale Stazione congiuntamente ai militari dell’Aliquota Radiomobile di Casarano, impegnati nello specifico servizio di controllo del territorio, venivano allertati dalla locale Centrale Operativa di un probabile furto in abitazione, poiché era giunta una telefonata di richiesta di intervento, da parte del proprietario di una delle abitazioni estive site nella marina di Torre San Giovanni, il quale aveva sorpreso un uomo intento a rubare all’interno della propria abitazione. L’arrestato, colto all'improvviso del proprietario dell’abitazione il quale era sopraggiunto nel momento in cui era intento a rubare, si allontanava precipitosamente portando con se una borsa con all’interno un decoder e due cappelli, che veniva abbandonata durante la fuga. I militari prontamente intervenuti si mettevano immediatamente alla ricerca del soggetto, il quale veniva fermato poco dopo nelle campagne di Ugento. La refurtiva veniva restituita al proprietario. Accertati i fatti, veniva data comunicazione al PM di Turno presso la Procura della Repubblica di Lecce, Dott. Giuseppe Capoccia , il quale concordando con l’operato dei militari disponeva l’accompagnamento del prevenuto presso la propria abitazione in regime di arresti domiciliari.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!