Denunciati 3 pescatori di frodo

Nardò. Gdf denuncia tre pescatori di frodo nell’area marina protetta di porto cesareo.

Nardò. Nel corso di servizi di controllo del territorio in materia di polizia marittima nell’Area Marina Protetta di Porto Cesareo, i finanzieri della Sezione Operativa Navale di Gallipoli hanno scoperto tre soggetti intenti ad esercitare la pesca di frodo. La pattuglia delle Fiamme Gialle ha notato un gruppo formato da due pescatori subacquei, con attrezzatura professionale e autorespiratori che si immergevano nelle acque antistanti Torre di S. Isidoro e da una terza persona che dava loro supporto a bordo di un barchino. Il gruppo era intento alla raccolta di ostriche e spugne. Immediato l’intervento di un’unità navale della Guardia di Finanza che giungeva nella zona, mentre i tre si liberavano parte del pescato, ma l’illecita attività era stata puntualmente documentata dalla pattuglia a terra. Ai tre non è rimasto che confermare l’esercizio della pesca di frodo. I responsabili sono stati denunciati a piede libero alla Procura della Repubblica di Lecce, poiché la raccolta dei frutti di mare era stata effettuata nell’Area Marina Protetta di Porto Cesareo, ove è vietato qualsiasi tipo di pesca. Le attrezzature da sub e il natante iscritto nel registro delle barche da pesca sono state sottoposte a sequestro e il pescato è stato rigettato in mare alla presenza dei contravventori. Il video dell'intervento:

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Leave a Comment