Pd, polemiche dopo le primarie

Lecce. Piconese accusa che Cuperlo ha perso proprio nei paesi di riferimento di Capone, Bellanova e Rampino. Immediata la risposta

Lecce. Resa dei conti nel Pd provinciale all’indomani delle primarie. Il segretario Salvatore Piconese accusa Salvatore Capone, Teresa Bellanova e Alfonso Rampino. Secondo Piconese Cuperlo ha perso proprio nei Comuni di riferimento dei tre, ovvero San Cesario, Lecce, e Trepuzzi. Salvatore Capone ribatte “importante prova di “partecipazione e democrazia” e, dunque, “anche per questo sarebbe stato un bell’esempio di stile e di eleganza, oltre che di qualità politica, che financo il segretario provinciale riconoscesse questo dato e l’importante prova di democrazia, del mio come del suo partito, piuttosto che esibirsi in una serie di accuse peraltro infondate, dal momento che è lui, come segretario provinciale, a dover dare conto, semmai, dell’esito delle primarie di ieri, non altri. Accuse che, purtroppo, confermano evidentemente una attitudine emersa sin dalle prime battute dei congressi di circolo e che dicono come, ancora una volta, si sia perduta l’occasione di guadare avanti con qualche parola sul futuro, piuttosto che polemizzare sui risultati singoli”. Nella nota di Rampino afferma che Piconese “sbaglia tre volte”. “Sbaglia perché sceglie di attaccare i parlamentari di questo territorio, imputando loro non si capisce bene quale sconfitta, piuttosto che commentare politicamente il risultato che ha sancito nuovo segretario del Pd Matteo Renzi. Sbaglia perché la sua latitanza nella sede del Coordinamento provinciale in queste settimane è stata evidente, ed è solo un miracolo se le Primarie si sono potute svolgere, anche nel Salento, come una vera e propria festa della democrazia. E infine sbaglia perché continua ad utilizzare i toni che hanno contraddistinto tutta la sua campagna elettorale. Sappia che non è questo il partito che vogliamo e che il Salento si merita”. Commenta anche il segretario del circolo Pd di San Cesario Enzo Marenaci: “Più che lanciare accuse, sancendo una modalità distante anni luce da quella di tantissimi militanti e che caratterizza il Circolo di San Cesario – afferma – sarebbe stato più corretto motivare la totale assenza di una purché minima struttura organizzativa nella sede deputata, il Coordinamento Provinciale, ringraziando piuttosto il lavoro di chi ha supplito alla grave latitanza della Segreteria provinciale”. Resi noti anche i dati ufficiali delle primarie del Pd in Puglia: Mozione Cuperlo: per il collegio Lecce 7 Gabriele Abaterusso e per il collegio Lecce 8 Sergio Signore e Sandra Antonica. Mozione Renzi: per il collegio Lecce 7 Donato Metallo e Lavinia Puzzovio, per il collegio Lecce 8 Paolo Foresio, Sandra Zappatore, Cosimo Montagna e Rosanna Indiveri. Mozione Civati: per il collegio Lecce 7 Carmine Zocco e per il collegio Lecce 8 Diego Dantes.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!