Nel faro dell’auto 5,7 kg di eroina

Lecce. Arrestato un giovane albanese e sequestrati 5,7 kg di eroina custoditi nel faro dell’auto

Lecce. Nel pomeriggio di sabato 7 dicembre, le Fiamme Gialle del Nucleo di Polizia Tributaria di Lecce hanno arrestato un giovane albanese trovato in possesso di 5,7 kg di eroina. L’operazione di polizia, condotta dalle unità specializzate del Gruppo Operativo Antidroga si è sviluppata nel giro di poche ore allor quando una pattuglia, durante un servizio di prevenzione finalizzato al controllo del territorio, ha notato in una stazione di servizio sulla S.S. 613, una macchina di colore scuro targata Milano condotta da un ragazzo di evidenti origini straniere. Questi, dopo aver sostato a lungo all’interno dell’auto, riprendeva improvvisamente il viaggio dirigendosi a velocità sostenuta in direzione Lecce. I finanzieri, insospettiti, si ponevano all’inseguimento della macchina, una Opel Vectra Signum di colore nero, che veniva sottoposta a controllo nei pressi di Surbo (Le) e condotta presso la caserma del Nucleo di P.T. di Lecce per ulteriori accertamenti. L’accurata ricognizione del mezzo, eseguita con l’apporto delle unità cinofile antidroga della Compagnia di Lecce, consentiva di rinvenire, abilmente occultati in un vano ricavato nell’alloggio del fanale posteriore sinistro dell’autovettura, 11 panetti di sostanza stupefacente del tipo eroina, accuratamente sigillati in sacchetti di plastica, per un peso complessivo di 5,7 kg. La sostanza stupefacente, che da speditive analisi è risultata purissima ed il cui valore sul mercato si aggira intorno ai 150.000 euro, è stata posta sotto sequestro unitamente all’autovettura utilizzata per il trasporto. Il conducente, un ragazzo di origini albanesi, classe 1991, incensurato, residente nella provincia di Milano, laureato in Economia e Statistica, è stato tratto in arresto e su disposizione della locale Procura è stato tradotto in carcere. Sono in corso indagini, coordinate dalla Procura di Lecce, tese ad individuare i destinatari dell’ingente quantitativo di sostanza stupefacente, destinato a rifornire il mercato locale dello spaccio.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!