Minenna: ‘subito la messa in sicurezza del molo’

Ugento. Angelo Minenna sollecita il comune di Ugento a mettere in sicurezza il molo di Torre San Giovanni ed utilizzare i fondi recepiti dalla regione

Ugento. Un sollecito per il molo foraneo della marina di Torre San Giovanni arriva dal consigliere Minenna. Il consigliere chiede “l’immediato avvio delle procedure d’appalto e successiva esecuzione dei lavori di messa in sicurezza del molo foraneo di Torre San Giovanni e del conseguente miglioramento dei servizi offerti a chi vive e lavora con la pesca”. Infatti Nel novembre del 2012, si abbatteva lungo tutto il litorale ugentino una forte mareggiata, che ledeva la tenuta statica del molo, insito nel porticciolo di Torre San Giovanni di Ugento, adibito alle esigenze dei pescatori. “Era premura – fa sapere – sollecitare, tanto verbalmente, quanto in forma scritta, le competenti strutture regionali, per richiedere opportuni sopralluoghi e misure per la messa in sicurezza di tale area”. Infatti, continua “Con determinazione n°65 del 22 maggio 2013, a firma del Dirigente Servizio Caccia e Pesca della Regione Puglia, il Comune di Ugento risultava beneficiario di un finanziamento, pari ad oltre 907.000.00, euro per le esigenze sopra esposte, con particolare riferimento alla messa in sicurezza del suddetto molo, con l’installazione di dovute strutture tecniche (scalo d’alaggio, illuminazione, distributore fisso carburanti, pavimentazione, punto vendita pescato, miglioramento ormeggi già esistenti), finora inesistenti nel suddetto porticciolo. In data 01 dicembre ’13, si abbatteva, nuovamente, ed in misura ben più grave, una ulteriore mareggiata, che ha quasi sfondato al centro la già precaria struttura del molo foraneo anzidetto, facendo correre seri problemi di tenuta statica dello stesso, e degli oltre 20 pescherecci lì ormeggiati, oltre a compromettere la viabilità e l’accesso all’area stessa”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!