Il comitato ‘intervista' Tap

Melendugno. In vista del tour organizzato da Tap per la stampa sui luoghi in cui potrebbe passare il gasdotto, il comitato No Tap ha stilato delle domande per loro

Melendugno. Le ha stilate il comitato No Tap. Sono delle domande precise e puntuali rivolte al consorzio che oggi porterà i giornalisti a curiosare sui luoghi dove, presumibilmente, dovrà sorgere questa mega struttura – secondo il governo italiano – d’interesse strategico. L’iter procedurale del Gasdotto si sta avviando alla fine, dopo aver incassato il bene placido delle commissioni di Camera e Senato, ma il ‘no’ deciso dell’intero Salento. Eccole qui le domande che i No Tap vorrebbero fare ai dirigenti di Trans Adriatic Pipeline, sulle quali aspettano una risposta: 1- A pagina 58 della”sintesi non tecnica” c'è scritto che gli abitanti distanti meno di 500 avranno un impatto medio/alto dal vostro progetto,come avete intenzione di comportarvi con le 130 famiglie che abitano entro questa distanza? 2-in Grecia TAP si è rifiutata di accettare le modifiche al tracciato proposte, superato lo scoglio della ratifica TAP Italia si comporterà alla stessa maniera su eventuali modifiche al progetto? 3-E' ormai noto che le prospezioni condotte da TAP da Dicembre 2012 a febbraio 2013 sono state invalidate da ARPA Puglia, quando le rifarete? 4-Visto che le prospezioni non sono valide non è da considerarsi illegittima anche la parte del progetto che le utilizza e che voi avete presentato in Ministero? 5-Avete diffuso delle note ufficiali in cui dite che non avete potuto effettuare vari studi: geologici,archeologi,ecc.. Quindi l'analisi è incompleta? Gli enti preposti e interessati che dovrebbero valutare il progetto non dovrebbero però valutarlo nella sua interezza? 6-Dal processo di partecipazione attivato dalla Regione è venuto fuori un netto parere negativo molto ben argomentato che parte dalla stessa utilità dell'opera: come si pone TAP di fronte a queste che ormai non sono posizioni 'ideologiche'? 7-L'impatto sociale presentato da TAP in sede di VIA sembra decisamente negativo: come mai? E' TAP che ha lavorato male con i “portatori d'interesse” o il progetto presentato è carente in alcuni punti? 8-Avete presentato un piano industriale/occupazionale con proiezioni realistiche dell'impatto occupazionale dell'opera? 9-Il progetto parla chiaramente di fasce d'asservimento: avete già preso contatti con i proprietari dei terreni?Quanti? Come hanno risposto al progetto? 10-Il contro rapporto VIA presentato dalla commissione comunale di Melendugno mette in risalto molte criticità ed è firmato da noti esperti per i vari settori di competenza:chi firma il progetto TAP? 11-Avete contatti con Edison per un accordo sul punto d'approdo come viene proposto dal segretario del PD provinciale? 12-Poseidon a Otranto ha beneficiato nell'ambito del”corridoio sud”di un finanziamento da 120 milioni di € per la fattibilità e progettazione: TAP ricade nello stesso tipo finanziamento come ampiamente descritto nel vostro sito. Quanti soldi ha percepito TAP con questi finanziamenti? 13-In generale TAP ha ricevuto finanziamenti pubblici? Quanti, e a valere su quali fondi? 14-Perché rifiutate incontri PUBBLICI con i comitati e la cittadinanza? 15-Temete che il movimento “NO TAP” possa degenerare in atti di violenza come con i “NO TAV”? Ecco il programma della giornata di pubbliche relazioni di Tap con la stampa: ore 10.45 registrazione partecipanti ore 11.00 tavola rotonda ore 13.00 light lunch ore 14.00 partenza in pulmino verso i luoghi interessati dal progetto del gasdotto ore 16.45 rientro a Lecce

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!