Piano paesaggistico, se ne discute a Nardò

Nardò. ‘Portoselvaggio Terra Nostra’ e Angela Barbenente illustrano il nuovo Piano Paesaggistico Territoriale Regionale

Nardò. L'associazione culturale “Portoselvaggio Terra Nostra” inizia il cammino con un incontro pubblico, patrocinato dal Comune di Nardò e dall’AIGA, che vedrà la presentazione del Piano Paesaggistico Territoriale Regionale (PPTR). L’appuntamento è per questa sera alle ore 17,30, presso il Chiostro dei Carmelitani a Nardò con Angela Barbanente, Vice-presidente della Regione Puglia e Assessore al Territorio che illustrerà il PPTR per la tutela del paesaggio, delle coste e dei beni architettonici. Per l'occasione i relatori, Ferdinando Boero dell’Università del Salento, il sindaco Marcello Risi, Giancarlo De Pascalis, Paolo Gaballo, presenteranno alcuni aspetti del PPTR legati al territorio neretino; modererà il dibattito la giornalista di Repubblica dott.ssa Chiara Spagnolo. “Il Piano Paesaggistico rappresenta uno strumento fondamentale per preservare, tutelare e migliorare le condizioni di vivibilità e fruibilità di ambiente e territorio per le generazioni future”. Per questo motivo, fanno sapere da Nardò, “Non a caso le uniche voci in attivo del “bilancio” regionale e nazionale sono quelle legate al turismo ambientale e culturale. Questo è il vero connubio tra identità e tutela territoriale e produzione di ricchezza. Salvare alberi e piantarne, rispettare l'ambiente e custodirne gli equilibri, preservare la memoria storica, paesaggistica, architettonica pietra per pietra, habitat per habitat, sono oggi alcuni dei pochi seri atti di elevato impegno sociale. La discussione, che naturalmente scaturirà dalla presentazione del Piano, servirà a chiarire dubbi e le difficoltà d’interpretazione che a pochi giorni dall'emanazione dello strumento normativo si stanno registrando”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!