Schiavi e sfruttamento a Nardò, un film racconta l'orrore

Bruxelles. Presentazione ufficiale del film di Stefano Mencherini sullo sfruttamento dei lavoratori stranieri nei campi di Nardò (Le)

Bruxelles. Sarà presentato oggi il film di Stefano Mencherini sullo sfruttamento di lavoratori stranieri nelle campagne di Nardò. La Flai Cgil, insieme ad Effat (Federazione europea dei sindacati Alimentazione, agricoltura e turismo) e Regione Puglia, partecipa ai lavori programmati per lunedì 25 novembre presso l’Ufficio della Regione Puglia a Bruxelles, in Rue du Trône 62. I lavori prevedono, alle ore 10.15, la presentazione e proiezione di “SCHIAVI – Le rotte di nuove forme di sfruttamento”, film inchiesta di Stefano Mencherini sulle nuove schiavitù in tema di immigrazione, in parte girato nei campi di Nardò (Le), patrocinato dal Ministro per l'Integrazione Cècile Kyenge e coprodotto da Flai Cgil e Less onlus. “'Schiavi', realizzato in circa due anni e mezzo, – si legge nel sito http://www.stefanomencherini.org/ – documenta la negativa gestione dell'ultima emergenza immigrazione (Ena, Emergenza Nord Africa) e la superficialità con cui la politica affronta temi epocali come quello dell'immigrazione; la disperazione e la rabbia dei migranti; l'assenza dell'Unione europea verso un Paese, l'Italia, diviso tra apartheid e solidarietà, con imprenditori e caporali alla sbarra a Lecce in un processo, unico in Europa, per riduzione in schiavitù”. Dopo il film, i lavori a Bruxelles continueranno, alle 11.30, con la presentazione dello studio della Flai Cgil “Agricoltura: migranti e lavoro in Puglia”. Si proseguirà con la discussione su: Quali sono le opportunità per migliorare la situazione dei migranti, scambio con l’assessore regionale all’Agricoltura Fabrizio Nardoni.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!