Legambiente, no a soluzioni drastiche sugli ulivi

Lecce. Legambiente si oppone a delle soluzioni drastiche sugli ulivi malati della fascia jonica, ‘servono analisi delle falde’

Lecce. Si terrà oggi la video conferenza tra rappresentanti dell'Osservatorio fitosanitario della Regione Puglia e della Commissione Europea sul disseccamento degli ulivi nel Salento. Intanto ambientalisti e cittadini dicono no a soluzioni estreme: distruzione delle piante o pesanti interventi chimici. “Notiamo che il fenomeno ha colpito un'area precisa, la zona sud di Gallipoli, pensiamo quindi che possa essere collegato alle condizioni di quella zona, come la qualità dell'acqua. Prima di arrivare a una drastica asportazione degli ulivi o a pesanti interventi chimici bisogna capire le cause”, queste le parole di Maurizio Manna, direttore regionale Legambiente Puglia. “Prima di arrivare a soluzioni drastiche bisogna capire se la pianta è in grado di riprendersi con metodi tradizionali come la potatura estrema, alla quale stanno ricorrendo già diversi agricoltori, e valutare se la malattia non sia da attribuirsi al fatto che la Xylella ha agito su piante già indebolite ad esempio per un problema di inquinamento dell'acqua o per altri motivi”. “Servono analisi sistematiche delle falde. Abbiamo preparato un documento – conclude Manna – che presenteremo alla Regione perché avvii subito le prime analisi sulle acque o su eventuali accumuli di sostanze chimiche in un alveo. Solo scartate queste due possibilità si può pensare a cure particolari per la Xylella”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!