Arrestato stalker, picchiò il pittore Ugo Tapparini

Cavallino. Raffaele Porrino non si era rassegnato alla fine di una breve storia con la giovane assistente del pittore Tapparini, arrestato ieri

Cavallino. Non voleva credere che la sua storia d’amore fosse terminata. Così Raffaele Porrino, di Lecce, senza fissa dimora, stava cercando di colpire la donna, ma a farne le spese è stato il pittore leccese Ugo Tapparini. L’uomo accecato dalla gelosia ha spinto l’anziano artista provocandogli la rottura della gamba. La giovane donna abitava con l’artista presso l’abitazione di Castromediano (rione di Cavallino). L’aggressione risale alla tarda serata del 28 ottobre, Porrino con precedenti penali, si è recato proprio nell’abitazione del pittore con la segreta speranza di poter riallacciare la relazione, la donna però ha rifiutato perentoriamente l’uomo, balordo che l’aveva anche minacciata con un coltello, sentite le sue urla Ugo Tapparini si è lanciato alla sua difesa ma ha avuto la peggio. La storia non è finita qui, perchè il 4 novembre scorso Porrino ha visto la coppia passeggiare, scatenando l’ennesima crisi di gelosia. Questa volta la donna ha chiamato subito il 112 permettendo ai militari di rintracciarlo nel Rione Castromediano. Durante gli accertamenti è stato trovato in possesso di un coltello multifunzione e denunciato a piede libero. Della vicenda se ne occupa il pm Massimiliano Cardcucci che, ha ottenuto dal gip Antonia Martalò un’ordinanza di custodia cautelare. Le accuse sono: atti persecutori, violenza privata, minaccia aggravata con l’uso delle armi, lesioni e furto.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!