Gentile, subito un vertice in prefetura

Surbo. La consigliera Martina Gentile chiede un incontro in prefettura a seguito degli attentati avvenuti in città

Surbo. La consigliera di opposizione del Comune di Surbo Martina Gentile chiede un vertice in Prefettura per fare il punto sui fatti inquietanti che stanno avvenendo in città. Oltre all’assessore al Bilancio del Comune di Surbo Luigi Passiatore, è stato minacciato anche il titolare di un laboratorio musicale. Il fatto risalirebbe al 3 novembre scorso quando contro l’abitazione di Paladini sarebbero stati esplosi dei colpi d’arma. Intanto proseguono le indagini sul messaggio intimidatorio indirizzato alla moglie dell’assessore al Bilancio alla quale sono stati indirizzati in una busta di tre proiettili calibro 38 e un biglietto di minaccia, dove di leggeva: “per il bene tuo e di tuo figlio consiglia a tuo marito di dimettersi”. La consigliera Gentile in una nota si esprime così: “Voglio dire a Gianni Paladini, musicista e cittadino attivo, a nome mio e del gruppo La Svolta, che non è solo in questo momento inquietante: sparare contro la porta di un’abitazione è un atto vigliacco e spregevole, un’intimidazione secondo un vecchio stile, che avremmo voluto vedere sepolto dalla storia, ma che, evidentemente, serpeggia ancora al di sotto di una certa subcultura”. Ed evidenzia che, “dopo la missiva contenente i proiettili recapitata all’indirizzo dell’assessore al Bilancio del Comune di Surbo, questo episodio ci impone, nel caso in cui qualcuno avesse voglia di minimizzare, di tenere alta la guardia per rilanciare il rispetto della legalità e la tutela della sicurezza”. “Bisogna di chiedere un vertice in Prefettura – continua – pur consapevole che non sarà una misura sufficiente” perché è necessario anche “uno scatto in avanti dei cittadini surbini, un sussulto per un pieno riscatto, alzare la voce per dire a chiare lettere che chi crede di poter rigettare Surbo nell’ombra del passato dovrà vedersela con le forze sane di questa città”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!