Protesta dell’uva, lavoratori incrociano le braccia

Bari. Il prezzo troppo basso dell’uva fa scattare la protesta degli operatori del settore, l’assessori Nardoni convoca un tavolo con la categoria

Bari. Parte la protesta dell’uva. Gli agricoltori pugliesi lamentano in prezzo troppo basso, da qui la loro singolare protesta: abbandonare la raccolta. L'assessore all'agricoltura della Regione Puglia, Fabrizio Nardoni, fa sapere in una nota di aver avviato “la convocazione di un tavolo di confronto con le associazioni di categoria, le organizzazioni dei produttori e gli organismi della grande distribuzione. Con loro – prosegue – speriamo di trovare possibili punti di convergenza verso azioni condivise che salvaguardino il settore ma anche il consumatore”. “Stiamo cercando possibili soluzioni”, ma “questo fenomeno – spiega – è strettamente connesso ad un combinato disposto di fattori negativi: dai bassi consumi di uva, agli effetti delle varie calamità naturali che danneggiano i grappoli, fino all'eccedenza di prodotto proveniente da altri Paesi europei (Grecia, Turchia, Spagna) ed extra Ue”. Tutti fattori “su cui solo in parte possiamo intervenire, così come abbiamo fatto – ricorda – promuovendo la filiera corta o l'acquisizione del Marchio Prodotti di Qualità Puglia che di fatto garantisce alla nostra uva un plusvalore e che la Regione incentiva finanziariamente anche creando corsie preferenziali per i produttori che decidono di investire proprio sul riconoscimento di disciplinari che garantiscono provenienza e qualità”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!