I vini pugliesi alla conquista dell'Asia

Bari. Saranno impegnati fino a domani ad Hong Kong, 8 cantine pugliesi portano il loro vino alla scoperta dell’Asia.

Bari. Il consorzio del vino pugliese punta ai mercati asiatici. Fino al 9 novembre otto aziende saranno presenti con i loro prodotti al mercato cinese nell'ambito della International Wine and Spirits Fair di Hong Kong. Protagoniste in fiera, nel Padiglione 5/B che ospitera' lo stand del MTV Puglia/Wines of Puglia, saranno le cantine Cantele di Guagnano (Le), Castel di Salve di Depressa di Tricase (Le), Emera di Pulsano (Ta), Racemi di Manduria (Ta), Duca Carlo Guarini di Scorrano (Le), Tormaresca di Minervino Murge (BT), Vigne&Vini di Leporano (Ta), Antica Masseria Jorche di Manduria (Ta). “Con la partecipazione alla International Wine and Spirits Fair di Hong Kong – afferma Sebastiano de Corato, presidente del Consorzio Movimento Turismo del Vino Puglia – parte 'Vini di Puglia IV', progetto OCM che vedra' le nostre cantine consorziate protagoniste di una serie di attivita' promozionali nei Paesi extraeuropei. Non a caso il progetto, il più consistente a livello regionale con oltre un milione di euro stanziato, prende avvio dalla “Porta d'Oriente”, uno dei mercati piu' dinamici e con le prospettive di crescita piu' interessanti nel medio termine. Inoltre, per far scoprire e apprezzare il meglio del patrimonio vinicolo della nostra regione, grazie al contributo della Regione Puglia Assessorato alle Risorse Agroalimentari per un'intera settimana saranno organizzate una serie di attivita' collaterali. Siamo certi – conclude de Corato – che tali azioni sinergiche, richiamando l'attenzione degli opinion leader internazionali, avranno una ricaduta positiva sull'intero comparto regionale”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!