La Puglia apre al mercato messicano

Bari. I messicani amano il made in Italy. E' quanto è emerso dall’incontro tra Loredana Capone e l'Ambasciatore del Messico in Italia, Miguel Ruiz Cabanas.

Bari. Con 75 milioni di consumatori e 20 milioni di cittadini con grandi disponibilità economiche, il Messico si conferma come prossima tappa delle politiche di internazionalizzazione della Regione Puglia. Quei 20 milioni di messicani che dispongono di enormi capitali, infatti, sono fortemente interessati ad investire nel made in Italy, soprattutto nella moda, nella gioielleria e nelle auto. È quanto è emerso nel corso dell'incontro istituzionale tra l'assessore allo Sviluppo Economico, Loredana Capone e l'Ambasciatore del Messico in Italia, Miguel Ruiz Cabaňas. Sono agroalimentare, automotive e turismo i settori nei quali Puglia e Messico collaboreranno nel prossimo futuro. Le prime idee sono già passate al vaglio delle due delegazioni durante la riunione. Un primo incontro tra il Distretto tecnologico agroalimentare della Puglia (DARE) e gli omologhi Centri di Ricerca messicani potrebbe concretizzarsi già nell'arco del prossimo mese a Roma. Ma c'è anche la concreta possibilità, nell'immediato futuro, di una missione incoming sull'automotive, un settore, questo, in grande sviluppo nel Messico, maggiore esportatore al mondo di componenti, tuttora carente, tuttavia – hanno spiegato- nello stampaggio: un mercato che da solo vale 12 miliardi di dollari. Altrettanto importante è il turismo. Mentre il flusso italiano e pugliese verso il Messico è consolidato, la Puglia è una meta ancora poco conosciuta per i messicani. Ragione per la quale, la delegazione dell'America Latina ha proposto la partecipazione della Puglia a fiere settoriali. “Il Messico per noi rappresenta un'enorme opportunità – ha detto Loredana Capone- Oggi la bilancia commerciale è in attivo per la Puglia che nel 2012 ha visto crescere le proprie esportazioni verso questo Paese del 265% rispetto al 2011. È bene che la nostra collaborazione sia incentrata anche sui progetti di ricerca nell'ambito dei quali molti potrebbero essere i punti in comune con il Canada”. L'assessore ha poi presentato alla delegazione gli incentivi messi a disposizione dalla Regione Puglia per l'attrazione degli investimenti, tredici dei quali ancora attivi, per un valore di 868 milioni di euro. “Possiamo facilmente trovare progetti in comune – ha detto l'ambasciatore Izquierdo – L'America Latina si sta attivando con grande dinamismo anche sotto il profilo della ricerca e dell'innovazione: il fatto che entrambi i nostri Paesi stiano sviluppando importanti progetti di ricerca è una strada promettente di collaborazione”. Con l'Ambasciatore del Messico, il Consigliere Eleazar Velasco, incaricato della Sezione economico-commerciale dell'Ambasciata del Messico (che ha di recente visitato alcune aziende pugliesi in qualità di presidente del Club dei Diplomatici commerciali), Oscar Camacho, titolare di Promexico a Milano e Sarina Alvarez, titolare dell'Ente per la Promozione Turistica del Messico in Italia. Il Messico rappresenta la tredicesima economia mondiale e la seconda dell'America Latina. Ha 116milioni di abitanti ed un Pil di circa 867,4 miliardi di dollari, in crescita nel 2012 del 3,9%. Membro dell'Ocse e del G8 +5, il Messico può vantare un'economia stabile, un sistema finanziario solido, accordi commerciali con le principali economie mondiali e un clima favorevole alla cultura d'impresa.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!