Iniziano le riprese de ‘L’amore non perdona’

Bari. Cominceranno oggi le riprese del film ‘L’amore non perdona’, film prodotto con il finanziamento dell’Apulia Film Commission

Bari. Da oggi e per 5 settimane di lavorazione fino al 10 dicembre, iniziano a Bari le riprese del film “L’amore non perdona” di Stefano Consiglio. Girato interamente a Bari (e un giorno a Tangeri in Marocco), e’ prodotto dalla Bibi film con il finanziamento di Apulia film Commission. Una storia d’amore scandalosa: a viverla una donna di quasi sessant’anni con un giovane arabo di trenta. Un affaccio sulle mille contraddizioni contemporanee e su un futuro del tutto imperscrutabile. Il regista Stefano Consiglio gira il lungometraggio “L’amore non perdona”, a partire da lunedì 4 per cinque settimane fino al 10 dicembre, con un solo giorno di riprese a Tangeri (Marocco), interamente a Bari nei quartieri San Pasquale, Carrassi, Japigia-Torre a Mare, Madonnella, San Paolo, Libertà, San Nicola-Murat. Protagonista della vicenda è Ariane Ascaride, straordinaria attrice di teatro e di cinema francese, protagonista dei suoi film e compagna nella vita di Robert Guédiguian, regista con il quale ha recitato in quindici pellicole. Tra queste, una delle più celebri è “Marius e Jeanette”, con la quale Ascaride ha vinto, nel 1998, il prestigioso Premio Cesar come “Miglior Attrice”. Accanto all’attrice francese, l’attore tunisino Helmi Dridi (autore di corti e film per la tv francese) e Francesca Inaudi (“Ci vediamo domani”, “Femmine contro maschi”, “Noi credevamo”). La storia è stata scritta da Stefano Consiglio e da Mimmo Rafele, sceneggiatore della serie “La Piovra 8-9-10”, “Paolo Borsellino” e dei film tv diretti da Gianni Amelio “La fine del gioco”, “La città del sole” e “I velieri”. Prodotto dalla Bibi film di Angelo Barbagallo in coproduzione con la francese Babe film, il film è finanziato da Apulia Film Commission. La forza lavoro pugliese impiegata per la realizzazione dell’opera, oltre all’organizzatore generale, Francesco Lopez (Oz Film), sarà di 14 unità.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!