Infertilità: le cause non sono solo delle donne

Bari. Venerdì 8 novembre l’evento scientifico 'Meet Fertility', organizzato dall'Ospedale Santa Maria. Il 15% delle coppie italiane non riesce ad avere figli

Una giornata di approfondimento scientifico sul tema dell'infertilità, organizzata dal dr. Pasquale Totaro e dalla d.ssa Yoon Sung Cho, specialisti della Procreazione Medicalmente Assistita (PMA) dell’Ospedale privato accreditato “Santa Maria” di Bari. Obiettivo dell’evento è fare il punto della situazione sui risultati raggiunti nel trattamento dell’infertilità di coppia, una patologia in costante aumento che in Italia colpisce circa il 15% delle coppie in età fertile (fonte: Istituto Superiore di Sanità – Registro Nazionale di PMA). Tra le principali cause connesse a tale incremento, si evidenzia lo scatto in avanti dell’età anagrafica delle donne che iniziano a cercare una gravidanza. Infatti, secondo i dati dell’ultima Relazione del Ministero della Salute al Parlamento, continua ad aumentare l’età media della donne italiane che si sottopongono alle tecniche di PMA, raggiungendo i i 36,52 anni nel 2011, così come è aumentato il numero dei cicli di trattamenti effettuati su pazienti con età superiore ai 40 anni, che si attesta al 30.5% (fonte: Relazione del Ministro della Salute al Parlamento sullo stato di attuazione della legge 40/2004 contentente norme in materia di PMA – Giugno 2013). Inoltre, è stata individuata per la prima volta l’età media dei pazienti maschi che accedono alle tecniche di procreazione assistita, pari a 39,9 anni (fonte: ibidem). Al contrario di quel che si pensava in passato, infatti, l’infertilità non è solo un problema femminile: nel 35,4% dei casi la causa è esclusivamente maschile, mentre nel 15% è da attribuirsi ad entrambi i partner; per un altro 35,5% dipende dalla donna e nel 13,2% è sine causa. “In caso di infertilità risulta necessario sottoporre entrambi i partner ad accertamenti diagnostici – afferma il Dottor Pasquale Totaro, Responsabile del Centro PMA della Casa di Cura “Santa Maria” di Bari – ed indagare a 360° sulle possibili cause, ricorrendo alle tecniche di PMA solo quando sia accertata l’impossibilità di rimuovere altrimenti le cause impeditive della procreazione, seguendo i principi della gradualità e della minore invasività come afferma l’art. 4 della legge 40 del 19 febbraio 2004”. Al centro dei lavori, la personalizzazione dei trattamenti per l’infertilità: oggi, infatti, è possibile attuare una strategia terapeutica su misura per ogni paziente, tenendo conto di tutte le caratteristiche del singolo; l’obiettivo è quello di limitare le complicanze correlate al trattamento e ottimizzare i dati relativi alle gravidanze e ai nati vivi. Negli ultimi anni, inoltre, grazie al miglioramento delle tecniche di PMA, sono state notevolmente implementate l’efficienza dell’impianto embrionale e l’efficacia dei cicli di procreazione assistita; ciò permette protocolli di stimolazioni ormonali più lievi e, quindi, una riduzione ulteriore delle complicanze, come le gravidanze multiple o la sindrome da iperstimolazione. In Italia, i dati sulle gravidanze trigemine (1,4%) si attestano su quelli di media europea, mentre è sensibilmente più basso il dato relativo alla iperstimolazione ovarica (0,34%).

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!