Blasi, più che congresso sono delle primarie tra notabili

Lecce. Sergio Blasi scrive a Luigi Berlinguer come presidente nazionale di garanzia, sul tavolo il congresso provinciale sempre più nel caos

Lecce. Dopo Salvatore Capone anche Blasi scrive ai vertici nazionali del Pd. Il caos precongressuale all’interno del partito continua. “Osservando – scrive Blasi – quello che accade non sfugge a nessuno che la fretta è stata cattiva consigliera in quella Direzione nazionale del 27 settembre scorso. Forse una riflessione più approfondita, e non condotta sotto lo scacco delle contrapposizioni tra gruppi dirigenti nazionali, avrebbe consigliato una chiusura del tesseramento in tempo utile per uno svolgimento ordinato e trasparente dei congressi di circolo. Cronache e testimoni di diverse provenienze raccontano in questi giorni cosa sono diventati in alcuni casi i circoli del mio partito. Dibattiti congressuali tenuti di fronte a pochi iscritti, seguiti da votazioni a cui partecipano file di decine e decine di tesserandi in gran parte sconosciuti alla militanza o all’attivismo. Tutto sotto la regia di locali mercenari della politica. Sono cartoline che ci giungono dalla decadenza di un partito nel quale più che congressi si stanno celebrando primarie tra notabilati, condite da conferenze stampa nelle quali sono ormai consueti gli insulti ai compagni di partito e ai rappresentanti politici e istituzionali”. “Chi punta a ottenere, servendosi di queste pratiche deleterie, un risultato numerico ma senza qualità si macchia di un peccato infamante: costringere alla fuga dal nostro partito le migliori energie dei territori in cui facciamo politica. È un errore – continua Blasi – drammatico che pagheremo tutti nelle urne a causa della smarrita credibilità nei confronti di militanti ed elettori: un effetto che si verificherà al di là dell’affermazione di questo o quel candidato alla segreteria nazionale nelle primarie dell’8 dicembre. Si è ancora in tempo, caro Presidente a recuperare la dignità smarrita là dove la credibilità di un grande partito come il nostro è messa a dura prova. Per questo mi appello all'autorevole saggezza della tua persona affinché si fermi lo scempio e si ripristini la politica. Prima – conclude – che il silenzioso abbandono di tanta gente per bene risulti come il ritirarsi della marea che lascia sulla sabbia solo gli “ossi di seppia.”

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Moderazione dei commenti attiva. Il tuo commento non apparirà immediatamente.

Info sull'autore

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!