Durante, meno orpelli e più sostanza

Lecce. Cosimo Durante richiama i suoi al senso di responsabilità politica, ma anche al coraggio

Lecce. Costruire e non distruggere. Cosimo Durante bacchetta il Pd in una fase delicata per il partito a poche settimane dal congresso provinciale, costellato di lotte interne. “E’ il momento – dice Durante – meno indicato per dare l’immagine che sta passando del nostro Partito Democratico. L’immagine reale del PD non è questa. Non è una forza politica distruttiva, ma costruttiva, non è un partito lacerato, ma creativo e bisognoso di novità. E’ riduttivo limitare tutto a quattro polemiche di cui leggiamo ogni giorno una nuova puntata, l’idea che anima l’azione dei Democratici è un po’ più alta. Magari una conferenza stampa in meno e qualche dichiarazione non necessariamente quotidiana potrebbero aiutarci a far passare la sostanza del nostro pensiero e non gli orpelli. Sicuramente su una cosa non si discute, nel Pd si discute e tanto, talmente tanto che talvolta sembra quasi di assistere ad una dialettica tra partiti avversi che ad un confronto tra compagni”. Apertura – conclude Durante – ma anche lealtà e coraggio, sono le doti di cui ha bisogno specie in provincia di Lecce il nostro partito, fatto di tante sensibilità ma avviato ad una fase di ulteriore maturazione. Facciamoci largo attraverso le pochezze di certa politica e stacchiamo il biglietto per una partita nuova, dove sia garantita la partecipazione collettiva più che il rendiconto personale di questo o di quello. Permettiamo alla gente di assistere ad uno spettacolo più decoroso di quella faida interna che sta sfibrando il Centrodestra, preoccupato solo di salvare il destino del suo leader. Qui nel Pd non ci sono leader da salvare, né capi da riverire”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!