Cgil, vicini alla buona politica

Lecce. La locale sezione dello storico sindacato di sinistra guarda ai contenuti del congresso provinciale del Pd.

Lecce. Cgil osserva le vicissitudini della politica locale, soprattutto guarda con rinnovato interesse al congresso del Pd. L’augurio del sindacato è che sappia dare le giuste risposte alla gente “Le vicende – scrivono – che stanno interessando il percorso congressuale nel più grande partito del centro sinistra, anche nella provincia di Lecce, non lasciano sicuramente indifferenti i cittadini e i soggetti che con la politica chiedono un confronto sano e leale. Tra questi c’è anche la Cgil, un grande sindacato che osserva questi accadimenti, a volte anche con apprensione, ma con la dovuta distanza e con assoluta autonomia. La Cgil – continua – è sempre stata la casa dei progressisti e si ribadisce che al suo interno convivono e si impegnano compagne e compagni provenienti da diverse culture e progetti politici, riconoscendosi tutti nei valori della Costituzione e dell'azione di libera tutela sindacale e di promozione del lavoro che la Cgil svolge. Il sindacato è un soggetto autonomo con una propria visione, un proprio progetto una propria proposta per il Paese e per il territorio della provincia di Lecce: quella del Piano del Lavoro. È con il Piano del lavoro che ci si deve confrontare se si vuole interloquire con la Cgil. La Cgil pertanto – conclude – in quanto soggetto autonomo e patrimonio dei suoi iscritti, è attenta al confronto di contenuti e di proposte della buona politica, distante da beghe e competizioni tra singoli candidati. La buona politica, per la Cgil, è avere un progetto, è mettere a disposizione del Paese le proprie forze, è innanzi tutto un mezzo per dare risposte ai problemi delle persone”.

Sostieni il Tacco d’Italia!

Abbiamo bisogno dei nostri lettori per continuare a pubblicare le inchieste.

Le inchieste giornalistiche costano.
Occorre molto tempo per indagare, per crearsi una rete di fonti autorevoli, per verificare documenti e testimonianze, per scrivere e riscrivere gli articoli.
E quando si pubblica, si perdono inserzionisti invece che acquistarne e, troppo spesso, ci si deve difendere da querele temerarie e intimidazioni di ogni genere.
Per questo, cara lettrice, caro lettore, mi rivolgo a te e ti chiedo di sostenere il Tacco d’Italia!
Vogliamo continuare a offrire un’informazione indipendente che, ora più che mai, è necessaria come l’ossigeno. In questo periodo di crisi globale abbiamo infatti deciso di non retrocedere e di non sospendere la nostra attività di indagine, continuando a svolgere un servizio pubblico sicuramente scomodo ma necessario per il bene comune.

Grazie
Marilù Mastrogiovanni

SOSTIENICI ADESSO CON PAYPAL

------

O TRAMITE L'IBAN

IT43I0526204000CC0021181120

------

Oppure aderisci al nostro crowdfunding

Rispondi

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Info sull'autore

Avatar

Il Tacco d’Italia. Testata giornalistica

Articoli correlati

NON seguire questo link o sarai bannato dal sito!